Il caso Il mercato scommette sull’addio al listino di Italease (più 3,2%)

Piazza Affari riserva un’altra seduta difficile al Banco Popolare. Le azioni della supercooperativa veronese hanno chiuso in ribasso del 10,6% a 2,27 euro (dopo aver toccato un minimo di 2,25 euro). A pesare, oltre al generalizzato calo della Borse, è stata la scommessa degli investitori sull’addio al listino della controllata Italease (+3,23%). La prospettiva del delisting, rilanciata ieri da alcune indiscrezioni, è stata indirettamente avallata anche dalla banca che, pur precisando che nessuna decisione in merito è stata ancora presa, ha confermato che «sono in corso contatti fra i soci pattisti». Di certo il Banco e gli altri soci devono decidere in fretta, o almeno questo è il desiderio della Vigilanza che sarebbe in pressing per ottenere un punto fermo prima del 19 marzo quando il cda di Italease sarà chiamato ad approvare i conti (il cda del Banco è invece il 24).