Il caso Mps sugli scudi (+5%) forti acquisti dopo la semestrale

La corrente di acquisti, cominciata all’inizio della giornata, non si è esaurita fino alla chiusura. Così, il Monte dei Paschi di Siena ha strappato ieri in Borsa un robusto rialzo del 5%, a 0,95 euro. Merito di una semestrale, diffusa alla vigilia a mercati chiusi, giudicata molto positiva dagli investitori. Anche se un trader riconduce la fiammata di ieri soprattutto a «ricoperture di posizioni short» e sottolinea che «il Tier 1 è sempre debole» e «gli utili sono contenuti». L’istituto senese ha registrato alla fine di giugno un risultato operativo netto di 511 milioni di euro (+8,1%). Il gruppo ha chiuso il periodo con un utile netto da 261 milioni e con un calo dei costi del 3,5%. Buono, in particolare, il dato sull’utile netto trimestrale (119 milioni).