Il caso PACS

ARCIGAY CONTRO PRODI
L’8 settembre l’Arcigay accusa Romano Prodi: «Ha deciso di ignorare le legittime istanze di uguaglianza della comunità gay. Nel suo programma per le Primarie non si parla dei Pacs. Aveva dichiarato che sarebbe stato favorevole alle unioni gay, lo ha dimenticato».
PRODI SCRIVE AI GAY DS
L’11 settembre Prodi invia una lettera all’assemblea dei gay Ds: «I Pacs entreranno certamente nel programma finale dell'Unione perché condivido l’ipotesi di una proposta che risolva il tema dei diritti delle coppie di fatto basate su un vincolo diverso da quello del matrimonio».
LE REAZIONI POLITICHE
Il centrosinistra plaude all’apertura di Prodi alle coppie gay. Ma Mastella e la Margherita frenano: «I matrimoni gay sono incostituzionali».Il centrodestra accusa Prodi: «Vuole imitare il premier spagnolo Zapatero».
LA CHIESA IN CAMPO
L’Osservatore romano, organo della Santa Sede, accusa Prodi: «Lacera la famiglia alla ricerca di voti». Monito dei vescovi: «Giù le mani dalla famiglia».
I GAY VOTANO PRODI

Gayleft Ds e Arcygay invitano a sostenere Romano Prodi: «Giusto dare fiducia e sostegno a Prodi. Invitiamo quindi tutti i gay e le lesbiche a sostenere la sua candidatura alle primarie del centrosinistra».
CDL, FINI SI SMARCA
Il presidente di An prende le distanze dalla Casa delle libertà: «No alle discriminazioni per le coppie di fatto, ma la priorità è la famiglia».
RUTELLI LANCIA I CCS
Il 17 settembre il leader della Margherita boccia i Pcas e propone i Ccs, contratti di diritto privato di «convivenza solidale».
L’UNIONE SI OPPONE
L’Unione e le associazioni di omosessuali attaccano Rutelli: «Così si gioca al ribasso». Boselli (Sdi): «Rutelli in sintonia con il clero conservatore».
PRODI SI DIFENDE
Prodi scrive a «Famiglia Cristiana»: «Non ho mai sostenuto l’opportunità
e la possibilità di matrimoni tra persone dello stesso sesso».
L’AFFONDO DI RUINI
Il 19 settembre interviene il presidente della Cei, Camillo Ruini, che attacca i Pacs: «Produrrebbero un oscuramento della natura e del valore della famiglia e un
gravissimo danno al popolo italiano».
L’UNIONE SI SPACCA
Il centrosinistra si spacca dopo le parole di Ruini. Prodi si defila: «Assoluto rispetto per le sue parole», Bertinotti attacca il vescovo: «L’ingerenza integralista di Ruini è inaccettabile». Pecoraro Scanio (Verdi): «Spetta allo Stato fare le leggi». Mastella: «Le parole di Ruini sono un conforto».
I DL APRONO A RUINI «Sui Pacs Ruini è stato coraggioso, la sua relazione segna un notevole contributo. La soluzione migliore per dare diritti alle coppie di fatto sono i Ccs».