Il caso Pirelli, giudizio ok: per Deutsche Bank è da comperare

Pirelli è salita ieri in Borsa del 3,66% premiata dal giudizio di Deutsche Bank. La banca d’affari ha alzato il giudizio da hold a buy sul titolo. Gli analisti sottolineano che Pirelli è scivolata del 67%, da settembre, quando sono iniziate le preoccupazioni sul deterioramento dell’outlook, sottoperformando il mercato italiano del 20%, con Pirelli Tyre che tratta a 2,8 volte le stime di ebitda sul 2009 contro le 5,3 volte della concorrente Michelin. Buone notizie potrebbero arrivare da una crescita dei prezzi della holding superiori al modello indicato, dall’effetto cuscinetto delle materie prime (l’incremento dei costi di 200 milioni nel 2008 potrebbero annullarsi nel 2009), dalla nuova legislazione europea sulla regolamentazione relativa al settore pneumatici. Pirelli ha chiuso l’esercizio 2008 con una perdita netta di 412,5 milioni.