Caso rientrato Maroni a Bossi: «Sulla sicurezza è tutto a posto»

Caso rientrato e «situazione chiara». Così il titolare del Viminale ha chiuso la polemica apertasi in seguito alle sue dichiarazioni sull’esigenza di destinare più fondi al comparto sicurezza. «Ho parlato con Bossi e con Tremonti - ha spiegato Maroni durante il G6 dei ministri dell’Interno che si teneva ieri a Londra -: è tutto a posto». La polemica si era aperta quando Maroni aveva dichiarato «noi della Lega siamo pronti a votare con l’opposizione contro le proposte del governo volte a ridurre le risorse». A muso duro gli aveva replicato Bossi: «Maroni l’ho allevato io, farà quello che dice la Lega». Insomma, clima teso che ieri il ministro dell’Interno ha contribuito a stemperare: «Le richieste sono state ridotte all’osso, ma sono chiare e non sono vezzi - spiega -: sono certo che il governo le valuterà con attenzione e le soddisferà, per esempio grazie alle entrate dallo scudo fiscale. Quindi, nessuna polemica o minaccia».