Caso Ruby, in Giunta prevalgono i contrari Sul conflitto d'attribuzione ora deciderà Fini

Terminata la discussione della Giunta per il Regolamento sul caso Ruby: la maggioranza (6 su 5) si è espressa contro la richiesta di sollevare il conflitto di attribuzione sul caso Ruby. L'ultima parola spetta al presidente della Camera che ha convocato per domani mattina un Ufficio di presidenza. 

Sul caso Ruby e sulla richiesta della maggioranza di sollevare un conflitto di attribuzione contro l'autorità giudiziaria di Milano, la Giunta per il Regolamento ha deciso: la maggioranza è contro. Anche se non è stato espresso alcun parere, 6 componenti su 5 (i numeri sono a favore dell'opposizione) hanno deliberato contro il passaggio in Aula richiesto dai capogruppo di Pdl, Lega e Responsabili. 

I contrari Per i democratici Gianclaudio Bressa e Marina Sereni, il finiano Italo Bocchino, l’Idv David Favia, l’Udc Armando Dionisi e la deputata Api Linda Lanzillotta la questione non deve essere sottoposta al voto dell’Assemblea di Montecitorio.

I favorevoli Per il leghista Nicola Molteni, i Pdl Giuseppe Calderisi, Fabio Gava e Antonio Leone e il responsabile Antonio Milo invece la questione va sottoposta al voto dell'Aula. L’ultima parola sulla vicenda spetterà comunque al presidente della Camera, Gianfranco Fini, che ha convocato per domani mattina alle 9 un Ufficio di presidenza. Anche oggi si sarebbe accennato alla questione della composizione della giunta formata con il criterio della proporzionalità a inizio legislatura tenendo conto dell’eseguità numerica dei componenti che per regolamento ne devono far parte. Il presidente della Camera, secondo quanto si è appreso in ambienti parlamentari, avrebbe spiegato che per il criterio della proporzionalità, se si decidesse di intervenire sulla composizione della giunta, si dovrebbe prevedere l’ingresso di un componente in più del Pdl e di uno del Pd. Il che non muterebbe l’attuale assetto.

Tutto nelle mani di Fini La terza carica dello stato ha ringraziato tutti i componenti della Giunta per i loro pareri e ha assicurato che valuterà "con attenzione e ponderatezza" riservandosi di formulare una proposta all’ufficio di presidenza. Indipendentemente dal caso in esame, tuttavia, Fini ha ritenuto "necessario arrivare a una più esplicita e compiuta disciplina in materia di conflitto di attribuzione" e per questo ha nominato Bressa e Leone relatori "per definire le proposte emendative al regolamento in materia".