Il caso Sì ai fondi federali per i gruppi pro-aborto Esplode la protesta di cattolici e «pro-life»

Anche sui temi etici Barack Obama volta pagina, scatenando le critiche del mondo cattolico. Tra le prime mosse del presidente americano ci sarà anche lo stop alle restrizioni ai finanziamenti pubblici per i gruppi che propagandano l’aborto all’estero (come aveva voluto Bush). E negli Usa riesplode la polemica. Dure proteste delle associazioni anti-abortiste e dei vescovi, che si sono detti «molto preoccupati per il deciso sostegno di Obama al diritto all’aborto». Il vescovo di Orlando, monsignor Thomas Gerard Wenski, intervistato ai microfoni di Radio Vaticana ha riferito che «i vescovi sono impegnati a convincere la gente a contattare i rappresentanti in Congresso affinché si oppongano a qualsiasi iniziativa legislativa tesa ad ampliare il diritto all’aborto».