Il caso Sandro e le onorevoli dimissioni

(...) E poi - sempre dividendosi fra Imperia, Savona, Genova e La Spezia - è stato a Bargagli, a Ospedaletti, a Cengio, a Mezzanego e Ronco Scrivia. Ieri era a Pietra Ligure (con i sindaci di Pietra, Borgio Verezzi, Magliolo, Tovo San Giacomo e Giustenice) e in serata fra le commercianti genovesi, domani va a Santo Stefano Magra e sabato a Bogliasco.
Insomma, Burlando è ormai una sorta di trottolino amoroso Dududù-Pididì ed ha lanciato una lunghissima volata elettorale. Non è detto che serva a rimediare ad anni di amministrazione omeopatica e di impopolarità. Quello che è certo è che bisogna rispondere con le stesse armi ed essere sul territorio. Dalla Liguria, non da Roma.