Il caso Santoro discusso anche in Regione

(...) si stanno impegnando a favore dei terremotati abruzzesi.
«Un conto è il diritto di critica, altra cosa è la licenza di calunniare ed infangare gratuitamente chi, come i volontari della Protezione Civile e della Croce Rossa ed i Vigili del Fuoco, si è conquistata la generale ammirazione per la tempestività e la qualità degli interventi fin dalle prime ore del dopo sisma -commentano Plinio e Rosso-. Si può fare battaglia politica su tante cose ma una televisione pubblica che, con il canone degli abbonati, paga un multi miliardario contratto ad un portavoce come Santoro non può fare sciacallaggio sui morti». I due esponenti del Pdl chiederanno che il consiglio si esprima già nella prossima seduta di martedì, «siamo fiduciosi in una condivisione unanime del nostro documento dal momento che Santoro ha offeso anche i volontari liguri della Protezione Civile fra cui gli agenti del Corpo Forestale e i vigili del Fuoco e i carabinieri del “Battaglione Liguria” presenti in Abruzzo per aiutare i terremotati».
Intanto, ieri dopo la decisione della Rai di sospendere il vignettista di «Annozero» Vauro è intervenuto il comico genovese Beppe Grillo che si è detto pronto ad assumerlo nel suo blog. «Se io fossi Santoro - ha detto Grillo- non consentirei mai un licenziamento del genere. Anzi, farei una puntata solo con Vauro». «Perfetto, nel blog di Grillo ci mancava giusto Vauro: uno squalifica l’altro» concludono ironicamente Rosso e Plinio.