Il caso Seat in picchiata dopo l’aumento di capitale

Seat Pagine Gialle è arretrata ieri del 16% nel primo giorno di contrattazione dopo la conclusione venerdì scorso dell’aumento di capitale da 200 milioni di euro. Da tempo il titolo è sotto la lente della Consob, che aveva già acceso un faro per l’estrema volatilità e la quantità anomala di scambi. Consob ha rilevato violazioni del divieto delle vendite allo scoperto sulle azioni della società oggetto di aumento di capitale. Le azioni hanno cominciato a salire il 30 marzo e nel giro di tre sedute sono cresciute del 353,6%. Poi il crollo di oltre l’81%. L’aumento di capitale prevedeva la sottoscrizione di 226 titoli Seat ogni 5 posseduti. E dunque il numero di titoli che compongono il capitale Seat è balzato dagli attuali 41 milioni a circa 1,8 miliardi. Deutsche Bank è salita, lo scorso 7 aprile, dal 2,087% al 3,124% nel capitale sociale della società.