Il caso Unicredit, successo dell’aumento Ma il titolo va giù

L’aumento di capitale di Unicredit si chiude col tutto esaurito mentre è attesa per agosto la nascita della Superbanca. Per quanto riguarda l’aumento da 4 miliardi in opzione agli azionisti sono state sottoscritte oltre 2,4 miliardi di nuove azioni ordinarie, vale a dire il 98,23% dell’offerta complessiva. Intanto a Palermo l’ad Alessandro Profumo ha spiegato che la fusione delle cinque controllate (UnicreditBanca, Unicredit Banca di Roma, BdS, Unicredit private banking e Unicredit corporate banking) sarà sancita dalla riunione del cda del 3 agosto (il 16 marzo il consiglio, oltre ad approvare il bilancio, darà infatti l’ok al piano). In Borsa, tuttavia, il titolo Unicredit è stato coinvolto nel generale tonfo del settore bancario e ha perso il 5,01% a 1,99 euro.