Cassanata smentita: nessun giro di campo col Suv

Se Cassano ha fatto il suo show sul palco di Sanremo, quello sul campo dovrà essere ancora rimandato. L'attaccante blucerchiato ieri ha lavorato a parte, insieme a Castellazzi, e per l'Inter dovrà stare fuori, un po' perché i postumi della pubalgia non sono stati smaltiti, un po' perché «squadra che vince non si cambia». La società intanto ieri ha smentito le notizie apparse su alcuni siti internet in base alle quali Cassano, a Bogliasco, avrebbe fatto alcuni giri di campo non di corsa, ma alla guida del suo Suv; cassanata che avrebbe provocato la prima mancata convocazione del giocatore.
Ma torniamo all’Inter. Batterla sabato sera a San Siro ha il sapore di un'impresa e ne è consapevole anche l'amministratore delegato blucerchiato Beppe Marotta, che ieri ha partecipato alla 53° edizione del torneo Carlin's Boys, casualmente presentato a San Remo: «Sappiamo che il match è sulla carta proibitivo - ha detto il dirigente - anche perché l'impresa di batterla l'abbiamo già realizzata all'andata e solo noi, con la Juventus, ci siamo riusciti. Ma certamente possiamo garantire ai tifosi che lotteremo fino alla fine».
E proprio i tifosi si stanno preparando all'esodo (i club che organizzano i pullman per la trasferta di sabato sono: Belli Gonfi, Certosa, Fedelissimi, Fieri Fossato, Junior, Ovada, Pegli, Recco, San Fruttuoso, Sport Club, Valsecca, Ultras Tito Cucchiaroni), anche perché un posto in Uefa non è più un miraggio. Tanto che ora anche Marotta crede ad un buon piazzamento finale: «Speriamo - ha aggiunto - se non di finire al quarto o quinto posto, almeno di poco sotto». Ieri intanto Del Neri ha ripreso la preparazione dopo due giorni di riposo: assenti, oltre agli infortunati Antonio Cassano e Luca Castellazzi, anche gli azzurrini Andrea Poli e Roberto Soriano, impegnati nella tre giorni di stage a Coverciano con l'Under 21.