Cassano: qui sto bene ma con Ibra vicino...

«Sicuramente Del Piero sta facendo cose devastanti, è dura tenerlo fuori - ha detto a proposito di Euro 2008 - Il consiglio che posso dare a Donadoni è questo: perché non Cassano e Del Piero in Nazionale? Se stiamo bene e continuiamo così, perché non tutti e due?». Oltre al desiderio di restare a Genova, al patron Garrone Cassano esprime anche un fantascientifico consiglio di mercato: «Penso che dopo Messi, Ibrahimovic sia il giocatore più forte. Giocare con lui non sarebbe male, lui ti sa dare la palla, non la perde mai, sarebbe molto più facile per me giocare con lui. Nella vita mai dire mai. Qui sto bene, però, chissà... Se compriamo Ibrahimovic allora sì che si può vincere lo scudetto. Corriamo noi per lui, non c’è problema».
Sulla sfida di domani con l’Inter, aggiunge: «È più facile che l’Inter batta il Liverpool che la Sampdoria batta l’Inter. Io sono tifoso interista. Sono sempre stato fin dalla nascita tifoso interista, ho fatto il primo gol all’Inter, l’Inter mi porta sempre bene. Quel gol mi ha cambiato la vita, a 17 anni fare un gol del genere, sotto Natale, è stata una cosa indimenticabile». Infine l’appello ai tifosi: «Mancini è stato la storia della Samp, è la storia della Samp e lo sarà sempre. Non penso possa essere una cosa positiva fischiarlo. Ho un buon rapporto con lui perché mi è sempre stato vicino nei momenti difficili, anche con un semplice messaggino».
Mister Mazzarri, intanto, si augura «un'altra grande partita». «Poi - promette - darò ai giocatori mezza giornata di riposo in più. D'ora in avanti sarà sempre così». Per tre punti Mazzarri sarebbe disposto a prendersi un altro gavettone: «Domenica era una sfida particolare, diversa dalle altre. Se i ragazzi mi rendono contento come lo ero dopo la vittoria sul Genoa anche una bella doccia ci può stare». Oggi alle 12.30 i tifosi si ritroveranno a Bogliasco per ringraziare la squadra per la vittoria contro il Genoa.