Cassazione, appello per Berlusconi. "Su Sme ho solo meriti, processo ininfluente"

Roma - La sesta sezione penale della Cassazione ha disposto la trasmissione degli atti, relativi al processo Sme, alla Corte di Appello di Milano «per il giudizio di appello» in relazione alla dichiarazione di prescrizione (in seguito alla concessione delle attenuanti) nei confronti dell' ex premier Silvio Berlusconi. In particolare, la Suprema Corte ha annullato senza rinvio l' ordinanza con la quale la Corte di appello di Milano, lo scorso 26 aprile, aveva dichiarato inammissibili gli appelli (contro la prescrizione) proposti dalla procura della Repubblica di Milano e dalla Procura Generale di Milano.

La notizia del via libera all'appello per il processo Sme non ha sorpreso Silvio Berlusconi: «Comunque - dice l'ex premier parlando con un cronista dell'Agi - si risolverà tutto con un nulla di fatto, sono accuse assolutamente infondate, il fatto è che si vogliono buttare via i soldi dei contribuenti. È un processo finito in cui si sono evidenziati soltanto i miei meriti. Per questo è una decisione ininfluente».