Cassazione conferma libertà condizionata per la Mambro

Il pg della Cassazione ha confermato la libertà condizionata per l'ex terrorista di estrema destra. Condannata all'ergastolo per la strage di Bologna del 1983, potrà restare in libertà vigilata fino al 2013

Roma - L’ex terrorista dei Nar Franesca Mambro "non è più socialmente pericolosa" e può ottenere la libertà condizionale. La procura generale della Corte di Cassazione ha perciò chiesto di respingere il ricorso della Procura di Roma contro il provvedimento del tribunale di sorveglianza della Capitale che il 16 settembre scorso ha concesso la libertà condizionale alla Mambro, condannata all’ergastolo per la strage di Bologna nel 1982. Francesca Mambro potrà quindi restare in libertà vigilata fino al 2013, quando la pena sarà del tutto estinta, in seguito all’applicazione dei benefici previsti dalla legge penitenziaria.

Non è più socialmente pericolosa
L’ex estremista di destra aveva comunque già ottenuto la semilibertà nel 1998 e la detenzione domiciliare nel 2002 per la nascita della figlia. Secondo i giudici Francesca Mambro ha dimostrato "capacità di reinserimento" che ne ha fatto venire meno "la pericolosità sociale". La decisione spetta ora ai giudici della prima sezione penale della Corte.