Cassinelli (Pdl) tutela Grillo e i blogger che l’hanno attaccato

Insultatemi e ragioniamo. Suona così, l’appello che Roberto Cassinelli, deputato Pdl, ha rivolto ai blogger. Capita che lui abbia presentato una proposta di legge che definisce «salva blog» per salvare la libera espressione on line dalla ghigliottina della legge sulla stampa, che costringe ogni sito alla registrazione in Tribunale. E che loro invece la definiscano «ammazza blog». L’idea di un «confronto» on line gli è venuta, dice ironico, grazie «alla popolarità (del tutto immeritata) che devo al fatto di essere stato citato da uno dei blog più visitati d’Italia e del mondo», quello di Beppe Grillo, che dopo averlo attaccato, ha invitato tutti a «lasciare un commento» sul sito di Cassinelli. Dopo duemila insulti, il deputato ha scelto l’eleganza: «Continuate, ogni osservazione servirà a presentare un testo che rispecchi le esigenze di Internet». I «vaffa»? «Mi paiono argomentazioni, per così dire, di poco spessore. Ma sono opinioni, e le rispetto». Peggio di un pugno in faccia.