La casta triestina va gratis a teatro

Dal centro alla periferia i privilegi non si negano mai. Di questi tempi, però, vanno a finire sotto tiro. La corte dei conti di Trieste ha aperto un fascicolo sui biglietti gratis a teatro della «piccola» casta dei consiglieri comunali del capoluogo giuliano. Solo da settembre ad oggi, nei due principali teatri triestini, sono stati assegnati 216 posti gratuiti. Il sindaco ed il presidente del Consiglio, ne hanno sempre due con funzioni di rappresentanza. Poi però ci sono i consiglieri con 16 posti a disposizione per spettacolo. Un privilegio in vigore da tempo nonostante i bilanci dei teatri siano sempre in affanno. Ufficialmente i politici hanno i biglietti per giudicare le rappresentazioni di enti finanziati dal denaro pubblico. In pratica vanno gratis a teatro, in posti riservati, oppure mandano i loro conoscenti.