Castelli, giardini e bagni d’alghe: Sligo è l’Irlanda che non ti aspetti

L’Irlanda non è solo Dublino, Belfast, le spettacolari Cliffs of Moher, il fascino marinaro di Cork e il parco nazionale di Connemara. Lo scrigno verde di questo Paese, grande tre volte la Lombardia e popolato poco più della metà, non smette di riservare sorprese per noi italiani, che verso questo angolo d’Europa da vent’anni mostriamo un amore che non tramonta. Una proposta per scoprire un angolo insolito ma assai affascinante d’Irlanda è un viaggio nella contea di Sligo, nel Nord-Ovest dell’Eire. Una terra più selvaggia rispetto all’immagine stereotipata dell’Irlanda verde e quieta, ma piena di attrattive affascinanti. Tra queste ci piace segnalare i giardini di Lissadell (www.lissadellhouse.com) a Ballinfull, una magione in stile neoclassico fatta costruire da Robert Gore Booth nel 1833 e oggi restaurata dagli attuali proprietari. Un luogo nel quale erano di casa i fratelli Jack e William Butler Yeats, pittore affermato il primo e poeta immortale il secondo: che così descrisse le sorelle Booth in versi: «Due ragazze in kimono di seta/entrambe belle/una delle due una gazzella». Quella gazzella era Constance Georgine, in futuro contessa Markiewicz ed eroina dell’indipendenza irlandese. Oggi si possono visitare l’affascinante casa, dall’esterno austero, e i bellissimi giardini (il Kitchen garden e l’Alpine garden), oltre allo spettacolare panorama sull’Atlantico su cui si specchia la mole bassa e tarchiata epperò imponente del monte Ben Bulben. Per chi invece ama le cure termali ma vuole qualcosa di diverso dalle Spa lussuose ma un po’ asettiche di oggi, una sorta di viaggio nel tempo è garantito con un bagno d’alghe marine nello stabilimento Kilcullen’s a Enniscrone. Il trattamento dura in tutto una quarantina di minuti e prevede un bagno di vapore in una «scatola» di legno con un buco per la testa e un’immersione in una vasca d’epoca con acqua calda e, sul fondo, alghe marine ricche di iodina, ottima contro artriti e reumatismi. Chi, per sua fortuna, non ne soffre, può apprezzare l’atmosfera un po’ decadente garantita dagli arredamenti e dagli accessori tutti d’antan. Per informazioni http://homepage.eircom.net/~seaweedbaths/frame.htm.
Collegamenti da Roma Fiumicino a Dublino con la Aer Lingus (con possibilità di prenotazione direttamente sul sito internet www.aerlingus.com) e trasferimento all’aeroporto di Sligo con un breve volo operato dalla AerArann.
Alberghi: a Sligo nei pressi di Sligo, a Ballygawely, il Castle Dargan Hotel (tel. +353719118080, www.castledargan.com). In città il contemporaneo e «vetratissimo» Glasshouse a Swan Point (tel. +353719149170, www.theglasshouse.ie). Per mangiare il ristorante di quest’ultimo hotel (The Kitchen) e, per chi ama un’atmosfera più classica, il Coach Lane Restaurant&Donaghy’s Bar (1-2 Lord Edward St., tel: 35371162417).