Castelli rinuncia all’Indonesia

Roberto Castelli come Francesco Nitto Palma. Quest’estate niente vacanze. O meglio, ferie ridimensionate causa crisi economica. A suo tempo il viceministro alle Infrastrutture aveva prenotato insieme alla moglie il biglietto per l’Indonesia, immaginando per agosto un tour in quel lontano Paese. Tutto perfetto, ma qualche giorno prima della partenza Castelli si è guardato intorno. E ha colto una realtà assai preoccupante: il tracollo delle Borse, l’Italia sotto assedio, le polemiche feroci sulla casta e sui privilegi della classe politica. Meglio stracciare quelle prenotazioni, rimettendoci anche qualche migliaio di euro, sborsati di tasca propria. Pazienza. Troppo rischioso partire, mentre la casa bruciava. Qualcosa di simile a quanto è successo a Nitto Palma. Che però ha rinunciato al viaggio in Polinesia dopo la nomina a ministro della Giustizia, subito accompagnata da critiche e battute sulla sua vacanza esotica.