Castelli in uscita Cicchetti supervisore

Tra gli uomini chiave della nuova Telecom di Franco Bernabè c’è Oscar Cicchetti. Già a Telecom in passato alla direzione internazionale, il manager ex amministratore delegato di Netscalibur è tornato ufficialmente per gli affari esteri anche se in realtà è una specie di supervisore di tutti i settori. È dato in uscita invece Massimo Castelli. Ieri non era presente, e la presentazione delle strategie per la telefonia fissa è stata fatta dal suo vice, Pietro Labriola. Tra i numeri snocciolati per le linee fisse c’è l’Arpu, ossia il ricavo medio per cliente a banda larga che è intorno ai 18 euro per utente, simile cioè a quello della telefonia mobile che sfiora i 20 euro. Labriola ha sottolineato anche la grande crescita del Voip, ossia della telefonia su internet che fa decrescere il cosiddetto traffico voce, ma aumentare quello dati e per conseguenza gli utenti a banda larga. E non è un caso infatti che presto saranno pronte nuove offerte fisso e mobile per sfruttare in tutti i sensi le opportunità offerte dalla banda larga anche in mobilità. Sul fronte della telefonia mobile c’è invece Luca Luciani, classe 1967, ma già da alcuni anni al vertice di questo segmento. Luciani ha sottolineato il lancio in estate del video portale mobile per i giovani che parte con il marchio Mtv, ossia Mtv Mobile. Poi c’è il settore Technology e Operation di Stefano Pileri che vede una riduzione dei costi grazie alla razionalizzazione della struttura di gestione della rete e alla creazione di Open Access per 300 milioni di euro. Infine, Mauro Nanni che si occupa dei clienti top e servizi Ict alle aziende, settore in decisa crescita.