Catania e Torino agli ultimi 90’ per salire in A

Silvano Tauceri

Saranno gli ultimi 90 minuti domenica prossima a definire promozioni e retrocessioni. Questi i verdetti sanciti: Atalanta in A; Ternana, Cremonese e Catanzaro in C1. Restano Catania e Torino in lizza per seconda promozione diretta, l’altra farà i play-off assieme al Mantova; sei squadre (Modena, Cesena, Arezzo, Bologna, Brescia e Crotone) per gli altri due posti play-off. Due note: si giocava in contemporanea e il secondo tempo è iniziato dovunque con 8 minuti di ritardo provocati da Avellino-Vicenza; a Cremona invece quattro rigori e 2 espulsi.
Ieri il Catania è stato per 28 minuti in serie A, fra il gol di Mascara a Lecce contro il Catanzaro e quello del granata Abbruscato a Brescia (grave errore del difensore Zoboli), gara molto nervosa con due espulsi (Lazetic e Di Biagio) e scontri fra tifosi con quattro torinesi feriti. Il Crotone ha sognato a lungo di entrare nel vivo dei play-off, ma in vantaggio di due gol sul campo dell’Albinoleffe è stato beffato nel finale.
Catania e Torino giocheranno in casa. I siciliani contro l’Albinoleffe (che vincendo e in caso di contemporanea sconfitta del Rimini evitarebbe il play-out con l’Avellino); i piemontesi contro la Cremonese in fase di smobilitazione. In caso di parità di classifica Torino in vantaggio nei confronti diretti. La sfida Crotone-Brescia eliminerà la perdente, entrambe in caso di pareggio. Il calendario favorisce il Cesena, per il Modena rischioso esame a Bergamo con l’orgogliosa Atalanta.