Catania Fermato il figlio della donna uccisa a coltellate

È stato fermato e portato in caserma uno dei figli di Lina Miano, la donna di 54 anni uccisa il 13 novembre nel soggiorno della sua casa di Licodia Eubea, Catania. Un delitto efferato: l’autopsia ha rivelato che la donna è stata colpita da oltre 80 coltellate. A trovare il cadavere era stato il marito, rientrato dal lavoro. La coppia ha due figli: uno, con problemi di salute, è da tempo ricoverato in un casa di cura, l’altro 25enne era irreperibile dal giorno dell’omicidio.
Secondo gli investigatori, potrebbe essere stato lui, preda di un raptus, ad uccidere la madre.