Catania-Lazio 1-0 Pandev spreca Per i biancocelesti un’altra sconfitta

Dopo la débâcle interna contro il Chievo, la Lazio incassa un’altra delusione in Sicilia e vede complicarsi la risalita in classifica. I biancocelesti tornano a mani vuote da Catania, sconfitti per 1-0 (gol di Paolucci) dalla squadra di Zenga (ormai salvo). Due gli episodi decisivi: nel primo tempo al 24’ il gol del Catania: il Ledesma rossazzurro sbaglia la conclusione, ma la palla arriva a Paolucci che può segnare a porta vuota. Nel secondo tempo, al 15’ il portere etneo Bizzarri neutralizza con un tuffo sulla sinistra un rigore di Pandev che l’arbitro Brighi aveva concesso per un fallo di Silvestre sullo stesso macedone.
Amareggiato nel dopo gara è Delio Rossi che parla di «episodi sfortunati». «Abbiamo avuto qualche difficoltà in avvio di partita, perché non trovavamo le giuste distanze tra i reparti - afferma l’allenatore della Lazio -. Ma, dopo avere subito il gol, siamo usciti fuori bene. E nella ripresa, anche con l’ingresso di Mauri, le cose sono andate meglio. Purtroppo alcuni episodi della partita non sono stati a nostro favore». «Abbiamo subito - ricorda Rossi - un gol facendoci sorprendere in contropiede e nella ripresa abbiamo avuto più di un’occasione per pareggiare». Sul rigore il tecnico ribadisce che «lo specialista della Lazio è Zarate», che però in quel momento era in panchina. «Allora - ricostruisce l’allenatore - sul dischetto va chi se la sente. Pandev si e» fatto avanti...». Per la Lazio è il secondo passo falso consecutivo, ma «questa sconfitta - assicura Delio Rossi - non ridimensiona la squadra: l’obiettivo continua a essere quello di migliorare la classifica».