Catena di controllo taglio entro il 2011

Il gruppo Unipol chiude i primi sei mesi dell’anno con un utile netto consolidato di 30,4 milioni di euro, in calo del 53% su base annua. Il gruppo assicurativo bolognese registra una raccolta danni pari a 2.068 milioni (-4,4% rispetto al primo semestre 2009), in seguito, spiega il gruppo, «alle programmate azioni di selezione del portafoglio». La raccolta vita ammonta a 2.340 milioni, con una flessione rispetto al primo semestre 2009 del 15,6%. Il combined ratio si attesta a 103,5%, in miglioramento rispetto al 108% di fine 2009 e al 105% del primo trimestre 2010. L’ad Carlo Cimbri ha infine smentito l’ipotesi di stampa relativa a un accorciamento imminente della catena di controllo. Entro il 2011?, gli è stato chiesto. «Secondo me sì», è stata la risposta.