Catricalà: «Molte resistenze sulla portabilità dei mutui»

da Milano

Banche, benzina, pubblica amministrazione. Non va in vacanza l’Autorità per la concorrenza, anzi, sui temi caldi del momento va giù decisa. Sulla portabilità gratuita dei mutui, per la quale sono state già comminate sanzioni, «ci auguriamo che le banche si ravvedano. Alcune lo hanno già fatto, altre però stanno resistendo», ha detto ieri a Cortina Antonio Catricalà, presidente dell’Autorità. Catricalà ha ricordato che si sta lavorando anche sulla commissione di massimo scoperto: «Al momento è l’istruttoria più importante».
Sulla benzina, invece, «stiamo monitorando il mercato, ma solo perché dobbiamo verificare che vengano rispettati gli impegni presi dalle ditte petrolifere. Certo se ci fossero meno pompe in esclusiva e più pompe bianche potremmo avere anche migliori risultati». Infine Catricalà si è detto d’accordo con l’idea del ministro Brunetta, di class action allargata al settore pubblico: «Ad esempio in casi come quello di una scuola che non funziona, dove i professori sono sempre assenti, potrebbe essere data la possibilità ai genitori di proporre una class action».