Cattaneo-Scandroglio In due lottano per il primo posto

(...) a sindaco nel 2012. Ma, da quanto il Giornale sta verificando in questi giorni, elettori e simpatizzanti si stanno interessando anche alla gara per la presidenza della Provincia. Il gioco- sondaggio promosso su queste pagine sta ottenendo un ottimo successo con in testa alla classifica il commercialista Alberto Cattaneo che ieri ha raggiunto i 156 tagliandini. Cattaneo, residente a Santa Margherita ma operativo professionalmente su Genova città è stato il primo nome votato: «Magari correre per la presidenza della Provincia è un ruolo che non mi compete, ma sono pronto a scendere in campo». In seconda posizione continua a raccogliere voti anche il coordinatore regionale Michele Scandroglio, deputato del Pdl che si attesta a 131 voti. Curioso è registrare come i tagliandi per l’onorevole arrivino in busta chiusa e affrancata uno ad uno. Ricordiamo ai lettori- votanti che è possibile inviare anche più tagliandi in un’unica busta.
Passa al terzo posto l’ultimo degli arancioni: Massimo Pernigotti, consigliere provinciale della Lista Biasotti- Per la Liguria (quella doc nata nel 2005), che è salito a 92 preferenze. Se questi nomi erano già noti dai giorni scorsi, ieri si sono imposti al pubblico anche alcuni nuovi ingressi. Con 28 tagliandi ecco Felice Ravalli, presidente del Comitato Centro Est, il comitato di cittadini contrario alla realizzazione della Moschea al Lagaccio che lunedì sera ha voluto portare la sua testimonianza al convegno del Pdl chiedendo che gli eletti del centrodestra non siano vicini al quartiere solo a parole ma partecipino alle iniziative: «Stiamo scivolando in una città che viene smantellata in silenzio - aveva detto Ravalli -. Colpa di un sindaco che toglie servizi ai cittadini onesti per salvaguardare gli spazi per i centri sociali e le bocciofile degli amici».
Luigi Morgillo, spezzino doc, rompe l’argine della territorialità. Chissà se le sue preferenze arrivano dalla Spezia o da Genova, fatto sta che il consigliere regionale c’è. Come resiste il capogruppo Pdl in Provincia Giuseppe Rotunno ed entra in gara anche Stefano Garassino, ex consigliere di circoscrizione per Forza Italia. Forse la vera sorpresa di ieri è però l’ingresso di Mario Troviso aderente a «Area Destra», movimento di estrema destra nato a Genova. All’appello mancano ancora i leghisti. Strano, visto che al futuro tavolo della spartizione della candidature al Carroccio potrebbe toccare proprio la poltrona più alta di palazzo Spinola.