In cattedra i maestri del fingerstyle

Daniele Bazzani apre oggi la kermesse

Se è vero che fra gli strumenti a sei corde la chitarra classica ha avuto un ruolo dominante nei secoli scorsi, in futuro, e forse già oggi, questo ruolo potrebbe passare alla chitarra acustica. Che si distingue dalla classica non solo per avere corde in metallo invece che in nylon, ma per una totale diversità di approccio da parte di chi la suona. Il fingerstyle, stile di riferimento nel campo della chitarra acustica, vede il musicista suonare esclusivamente con le dita, quasi sempre da solo sul palco, proponendo spesso un repertorio originale. È il caso di Daniele Bazzani, esponente di punta della chitarra acustica in Italia. Noto forse più all’estero che da noi, il chitarrista romano riesce a emozionare la platea sin dalle prime note di ogni suo concerto. Nonostante il genere sia poco conosciuto al grande pubblico, è proprio a quest’ultimo che Bazzani fa riferimento, sia quando scrive musica originale, che quando reinterpreta, sapientemente, grandi classici della musica italiana, come Azzurro, di Paolo Conte, o La Fata di Bennato.
Quella di stasera al teatro Euclide è la serata di apertura della rassegna chitarristica, intitolata «Sulle corde di cento note», che vedrà alternarsi sul palco, ogni lunedì, alcuni fra i più importanti chitarristi italiani e stranieri. Informazioni utili: teatro Euclide, piazza Euclide 34/A. ogni lunedì ore 21. Ingresso 10 euro. Tel. 068082511.