Cattolici, valdesi, luterani Il Cristianesimo in 18 lezioni

Un libro e una settimana di incontri per presentare le comunità cristiane: dagli ortodossi serbi agli etiopi

«Quando sono debole è allora che sono forte», diceva San Paolo ed è citando le sue parole che nel gennaio del 1998, esattamente dieci anni fa, nasceva a Milano il Consiglio delle Chiese Cristiane: perché si è forti solo quando ci si ricorda di essere deboli e di aver bisogno degli altri. Si muovevano all'epoca i primi, timidi passi verso il dialogo tra chiese cristiane che troppo a lungo si erano avversate: il percorso lo tracciò l'allora cardinale Carlo Maria Martini e, da quel gennaio, di passi Milano ne ha fatti tanti. La parola ecumenismo, grazie alle iniziative della diocesi, suona a tutti più familiare e all'ombra della Madonnina è nato il Forum delle Religioni, grande laboratorio per il dialogo interreligioso tra i rappresentanti delle principali professioni di fede praticate in città.
C'è ancora molto da fare, tuttavia, per il dialogo tra le diverse correnti cristiane e il Consiglio delle chiese cristiane ha deciso di celebrare il suo decimo anniversario di vita con la pubblicazione di un libro che per molti sarà una sorpresa.
Milano ecumenica. Chiese cristiane in cammino è un volume edito dal consiglio, stampato in 5mila copie e distribuito da oggi gratuitamente all'interno delle comunità cristiane che risiedono a Milano. La sorpresa comincia fin dai numeri: perché se tutti conosciamo le parrocchie cattoliche ambrosiane e magari la chiesa valdese e quella protestante, pochi sanno che una delle comunità cristiane più numerose per fedeli e partecipazione è quella romena, guidata da decenni dall'inossidabile padre Traian Valdman. Oppure che in città esiste una piccola comunità di ortodossi eritrei e di cristiani etiopi così come una chiesa luterana svedese e una chiesa ortodossa serba, ben diversa dalla chiesa ortodossa russa e dalla quella ortodossa greca che fa riferimento al Patriarcato di Costantinopoli. Complicato? Non per la focolarina Maria Luisa Scazzoso Pietrogrande, per padre Valdman e per il pastore luterano Ulrich Eckert, che hanno promosso l'edizione del volume nel quale ognuna delle diciotto chiese - tante infatti, sono le realtà cristiane che hanno sede a Milano - si presenta e narra la sua storia, con particolare attenzione alle attività svolte nella nostra città. Sfogliandolo, vi scopri luoghi di culto poco noti che posseggono gioielli artistici di pregio, come la magnifica iconostasi dorata della Parrocchia ortodossa romena della Discesa dello Spirito Santo in via De Amicis.
Non è tutto: il decennale sarà celebrato a partire da domani con una intensa «Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani»: inaugurazione alle 21 nel Tempio Valdese di via Francesco Sforza con una liturgia incentrata «sul dialogo e sul confronto pur nelle differenze» cui seguirà sabato sera una veglia con i giovani (chiesa di Sant'Angela Merici, ore 21), letture bibliche in chiesa San Marco (domenica alle 18.30) e due appuntamenti con i vespri: mercoledì alle 18.30 nella chiesa ortodossa russa San Vito al Pasquirolo e giovedì alle stessa ora nella chiesa armena di via Jommelli. La settimana si conclude venerdì 25 gennaio con l'esibizione di tutte le corali attive nelle chiese cristiane: la sede prescelta è quella della Chiesa Evangelica Metodista di via Porro Lambertenghi.