Cauet spegne Radiorama e Ramazzotti, «vola» il Giornale

È in dirittura d’arrivo l’Adidas Cup, il mega torneo di calcio a 7 che ogni giovedì sera va in scena suo campi in erba sintetica del centro Masseroni Marchese. A due giornate dal termine della fase eliminatoria (ma poi ci saranno i playoff a Milanello e le finali il 13 giugno a San Siro), l’imbattuta Media Partners ha definitivamente conquistato il primo posto dopo aver facilmente disposto per 8-2 di Atahotels. Per i bianchi di Andrea Locatelli a segno Crippa (3), Franceschetti, Lombardo, Baldo, Nadaletti, Santarossa, mentre per gli alberghieri (in sei in campo) hanno salvato l’onore il solito Paolo Ligresti e Nocito. Lotta accesa invece per le piazze d’onore (le prime sei vanno ai playoff) con i Citizens of Humanity dell’ex interista Benoit Cauet che rialzano la testa e battono 3-1 Radiorama grazie alla doppietta di Aubameyang e a una bomba di Cauet, mentre Gencarelli ha accorciato le distanze. A secco invece Eros Ramazzotti, la pop star italiana che tanti consensi, anche calcistici, riesce a raccogliere per il suo innato talento.
La corazzata Epicas di Evani, Wierchowod e Ciccio Colonnese batte 11-8 Impossible is nothing, con Castellazzi (4), Evani (3) e Riccardo Conte (2) in grande evidenza, mentre tra gli avversari il solito Lemarchand (4, a quota 42 tra i cannonieri) e Raimondi (3) hanno tenute accese le speranze fino alla fine. Battuta d’arresto invece per Studio Izzi, battuto 9-5 da Sky. Il poker di gol di M. Dattilo non è stato sufficiente perchè Toninelli (3), D’Ercole e Spelta (2) Limetti e Pessoz, hanno realizzato la sorpresa della giornata. Movitalia s’impone 3-11 sul Maestro di casa, mentre il Giornale batte Banca Mediolanum 7-4, dopo un bel primo tempo e una ripresa da dimenticare.
I ragazzi di via Negri amano però complicarsi la vita e dopo il gol iniziale di Bevilacqua (tutte sue le reti dei bancari) si scatenano e vanno a segno con Billy Berlusconi, Lastella (2), Lupone, capitan Manzoni, Pavone (2) e Rossi. Buone le prestazioni di Grosselli, del portiere Fusco e del regista Occhipinti che ha sprecato due occasioni che gridano ancora vendetta. La squadra c’è, peccato i punti persi nell’andata e l’ingiusta sconfitta con Atahotels, perchè questo Giornale è all’altezza delle altre grandi.