Il Cavaliere nero punta a fine mese

Il successo della mostra «Il Cavaliere in nero. L’immagine del gentiluomo nel Cinquecento» e delle iniziative collaterali hanno convinto la direzione del Museo Poldi Pezzoli a prorogare la mostra fino a domenica 29 gennaio. Ancora tre settimane, dunque, per poter scoprire e ammirare le preziose opere che affiancano il misterioso Cavaliere in nero di Giovanni Battista Moroni, il celebre dipinto giunto in dono alla casa museo milanese per volere di Annibale Scotti Casanova. Uniti dal tema del colore nero, tra i dipinti esposti si distingue il famoso «Sarto», intenso capolavoro di Moroni in prestito dalla National Gallery di Londra, che è ritornato in Italia dopo più di cinquant’anni di assenza. Ancora visibili i ritratti di Filippo II e Massimiliano Stampa di Sofonisba Anguissola, oltre alla celebre regina d’Inghilterra Elisabetta I Tudor di Quentin Metsys il Giovane. Un’ulteriore opportunità, inoltre, per apprezzare «Il Libro del sarto», eccezionale raccolta di modelli per abiti conservato dalla Fondazione Querini Stampalia di Venezia, e uno straordinario abito maschile in due pezzi originale del XVI secolo, realizzato con applicazioni in pelle su tessuto di seta e recentemente restaurato. Anche le attività collaterali proseguono fino al 29 gennaio.