Cavalieri, dame e mercenari a Lavagna è tempo di Palio

Combattimenti cortesi alla maniera del XIII secolo, coraggio, amore e danza. Sono questi gli ingredienti della «Torta dei Fieschi» la manifestazione storica di Lavagna che si tiene il 14 agosto. Ma la festa comincia già da oggi con il grande appuntamento con il Palio d’Armi e la rievocazione storica della battaglia di Lavagna nelle vie nelle piazze della città. Il successo dello scorso anno ha infatti convinto gli organizzatori a presentare la seconda edizione di questo evento che ricorda la guerra del 1625 tra Francia e Savoia da una parte e Spagna e Genova dall’altra: ciò rimenda a una fase delle guerra dei trent’anni che ha visto come teatro di scontri Genova, Voltaggio e la Valpolcevera. La Compagnia d’Armi Duellatorum dei Sestieri di Lavagna, stasera a partire dalle 21 circa e fino a mezzanotte, darà vita alla battaglia con duelli cortesi, scontri di picche, colpi di artiglieria e moschetti che possono essere seguiti in maniera itinerante nelle strade, sul maxischermo in piazza Marconi o anche da casa su Entella tv che segue in diretta la manifestazione.
Ecco la storia: Battino Maragliano, capitano di ventura ingaggiato dalla Repubblica di Genova si trova a combattere nella guerra di Avignone (1624-1627, all’interno della guerra dei Trent’anni) quando con la promessa di ingrandimenti territoriali in Liguria la Francia convince Carlo Emanuele I duca di Savoia ad effettuare un attacco congiunto contro Genova. Carlo Emanuele si spinge verso il porto e dopo qualche vittoria sembrerebbe avere la meglio fino a quando, però, al passo del Pertuso incontra la resistenza dei contadini locali sostenuti da 1500 soldati tra cui Battino Maragliano. I sabaudi desistono e il passo è chiamato da allora Passo della Vittoria.
Insieme alla battaglia in piazza Marconi si alterneranno diverse fasi del palio d’Armi di scherma «Combat» tra i campioni dei Sestieri. Il programma di avvicinamento alla Torta dei Fieschi prevede inoltre il 9 agosto il Palio d’Arco Storico anche quest’anno combattuto e spettacolare, grazie alla nuova formula messa a punto dal Gruppo Arcieri dei Sestieri e che vedrà le prove di abilità degli Arcieri e l’esibizione degli sbandieratori dei sestieri.
E arriviamo al 14 agosto con la Torta dei Fieschi che vede in scena i conti Giulia Frugone, studentessa di Giurisprudenza di vent’anni e Federico Massari, imprenditore di 37 anni, che ha sposato un’ex contessa, Marielisa Ghio. Per partecipare al gioco, cuore pulsante della festa, ogni spettatore deve acquistare uno o più biglietti che saranno rosa per le donne e azzurri per gli uomini. Su ogni biglietto è stampato un nome di fantasia ispirato al Medioevo. Il gioco consiste, nel trovare, fra la gente che affolla le strade di Lavagna e in particolare la piazza della Torta, l’anima gemella, ovvero il possessore del biglietto con lo stesso nome, ma di colore diverso. Solo con i due biglietti accoppiati, avvicinandosi al banco della manifestazione si avrà diritto di ritirare due fette della torta, confezionata come sempre dai maestri pasticceri della zona (pasticceria Piaggio Cesare, Mistrangelo, Toni e Balin). La Torta dei Fieschi rappresenta un capitolo importante del folklore italiano di cui è parte integrante dal 1949. Anche il 14 agosto la compagnia d’Armi Flos Duellatorum proporrà una serie di ricostruzioni di combattimenti cortesi. Sempre affascinante la colonna sonora medievale della Torta e del corteo storico che accompagna le danze de «Le Gratie d'Amore».