Via Cavour non trova pace: dopo l’allagamento ecco i topi

Lo scavo in piazza Cavour per i lavori della metropolitana continua a causare disagi agli abitanti della zona. Dopo l’acqua, che qualche giorno fa ha invaso la piazza a causa di una conduttura tranciata dall’escavatrice del cantiere, ora dagli scavi arrivano i topi. Il racconto degli abitanti della zona, ma anche dei tanti frequentatori del cinema che affaccia sulla piazza, ricorda la scena del film Nosferatu, in cui Klaus Kinski cammina per le strade invase da migliaia di topi: in questo caso però grossi e grigi. «La sera, quando il traffico diminuisce e i negozi chiudono - racconta l’inquilina di un palazzo sulla piazza - i giardini intorno alla statua di Cavour cominciano a brulicare di topi e non si tratta di topolini di campagna». Gli animali, alla ricerca di cibo, avanzano lungo i marciapiedi e sfidano le macchine attraversando la strada. «Mi è capitato spesso - prosegue il custode di uno stabile della piazza - di vederne di enormi infilarsi nei portoni dei palazzi, tanto che nel cortile dell’immobile dove lavoro sono state sistemate trappole in tutti gli angoli». Inutili i tentativi per sollecitare l’Ama e il comune a intervenire a causa di linee che cadono e tempi infiniti di attesa al telefono. La piazza, come tutta la città, intanto si svuota per il Ferragosto mentre i topi rimangono e banchettano.