Cayard francese, de Angelis lascia la Luna

L’americano abbraccerebbe il sindacato transalpino. Lungo colloquio segreto tra Bertelli e Russell Coutts. I progetti di Lapo Elkann

da Valencia

Sono molti i sindacati che stanno lavorando per la prossima edizione. Iniziamo da Luna Rossa: il patron Patrizio Bertelli è stato visto a colloquio - avvocati e interprete compresi - con Russell Coutts ad Alicante, che doveva essere territorio neutrale (ma anche le pareti hanno occhi...). Russell al momento vale otto milioni di euro l'anno e la quotazione cresce di qualche euro a ogni nuovo gossip. Questo significa che il grande è in bilico tra la nuova Oracle e la nuova Luna Rossa, che potrebbe perdere Francesco de Angelis, il conduttore delle tre ultime edizioni. La cosa non è del tutto verosimile, però se c'è tutto questo fumo magari c'è anche un arrostino.
Chi ha preso le cose di petto è ha già comunicato il nome del nuovo skipper è il sindacato tedesco, finora noto come Internet Germany, che potrebbe avere la sponsorizzazione di Bmw. La casa motoristica dopo due edizioni considererebbe conclusa l'esperienza del rapporto con gli americani di Oracle e sarebbe favorevole a partecipare con un sindacato casalingo. Il sindacato ha già scelto lo skipper, il polacco Karlo Jablonski che era timoniere di Desafio. Tra i vertici dovrebbe arrivare il campionissimo Jochen Schumann, che sembra scomparso dalla scena di Alinghi proprio negli ultimi giorni. I tedeschi stanno in fretta e furia costruendo il loro secondo scafo che ha il numero velico Ger 101: lo fanno per poter avere, nella prossima Coppa, uno scafo in più rispetto a quanto verrà deciso del nuovo Protocollo.
Altro sindacato quasi certo è l'inglese Team Origin: lancerà la sfida per lo storico Royal Thames Yacht Club, è animato dal danaroso sir Keith Mills, ha per skipper il neozelandese Mike Sanderson e per timoniere il bravo Ben Ainslie, che si è fatto le ossa con Emirates Team New Zealand. Team Origin potrebbe essere il Challenger of Record se qui vincessero i neozelandesi.
Il capitano Salvatore Sarno ha confermato squadra e intenzioni per una nuova sfida di Shosholoza, fatta con lo spirito sano della prima, con qualche ambizione di più. Al momento è confermata la squadra con Paolo Cian al timone e Tommaso Chieffi alla tattica.
Dalle ceneri di +39 potrebbe nascere un nuovo sindacato. Si è parlato con insistenza dell'interesse di Lapo Elkann che ha percepito la Coppa come un buon territorio di comunicazione per le sue idee innovative, ma ci sono serie iniziative anche in Sicilia per proseguire quel poco di lavoro positivo che è stato fatto. Vincenzo Onorato con un poco di realismo aspetta di vedere come vanno davvero a finire le cose in termini di data e regolamento per le barche prima di esporsi in una nuova avventura.
La Francia è in campo con una nuova Areva Challenge, lo sponsor ha confermato la volontà di esserci molto presto, conscio del fatto che solo la continuità con questa sfida può migliorare le possibilità di successo. Tra i candidati a condurre la nuova squadra potrebbe esserci Paul Cayard che, dopo qualche contatto per restare in Italia, avrebbe optato per questo team, già lanciato verso la prossima edizione.
Altre proposte che arrivano anche dall'Italia non sembrano così concrete. Anche Desafio continua, e anche loro avrebbero incontrato il timoniere californiano, ma a quanto pare le posizioni di vertice sono già occupate e a lui la faccenda va giustamente un po' stretta. Sono anche insistenti le voci che vogliono Paul insieme a Francesco de Angelis. Quasi certo un sindacato danese, dovrebbe ritornare anche Victory Challenge.