I carabinieri si divertivano a spaccare l'auto di servizio: graziati dalla Cassazione

Le intercettazioni non si potevano utilizzare: con questa motivazione è stata annullata la condanna di due militari dell'Arma di Trieste

Ci sono storie che vengono a galla solo alla finea, e che costringono a chiedersi in che paese viviamo. Un paese dove due carabinieri durante il turno di pattuglia, invece che occuparsi della sicurezza dei cittadini, se la spassano a guidare l'auto come un giocattolo, salire a cento all'ora e poi scalare in seconda per sentire il rumore che urla e il cambio che si schianta. Una storia di sette anni fa che solo ora arriva a conclusione, con la sentenza - e ci sono volute nientemeno che le Sezioni Unite della Cassazione - che manda assolti i due militari in servizio a Muggia, presso Trieste. Non perché si sia dimostrata la loro innocenza, ma perché la prova chiave a loro carico viene dichiarata inutilizzabile. Si tratta della registrazione della microspia piazzata a bordo della «Gazzella», che raccontava in modo inequivocabile il gioco demenziale dei due carabinieri, uno che istiga all'altro a alzare i giri e a scalare, e l'altro che esegue. In sottofondo il rombo impazzito del motore dell'Alfa Romeo pagata dai contribuenti.
Furono sfortunati, i due Cc. Su quella Gazzella c'era una microspia della Procura, piazzata nel corso di una altra indagine. Di cosa si trattasse, la sentenza non lo spiega, limitandosi a dire che riguardava «reati comuni commessi da militari dell'Arma ai danni di utenti della strada» e senza raccontarci come è andata a finire.
Era il 21 gennaio 2007. Quando, al ritorno dalla mattina di pattuglia, i due carabinieri restituirono la Gazzella in caserma (dicendo «si è rotta», «forse c'era poco olio oppure non hanno fatto la manutenzione come si deve»), non immaginavano che le loro allegre chiacchierate fossero state registrate parola per parola, e che fossero destinate a portarli sul banco degli imputati. «Distruzione o deterioramento di cose militari», questo il reato - previsto dal codice militare di pace - per cui i due carabinieri sono stati condannati in primo e in secondo grado. Ma hanno presentato ricorso in Cassazione, e hanno vinto.
Sulla piccola e assurda storia dei due carabinieri-vandali, si è aperto un contenzioso giuridico degno di miglior causa. Il tema è quello annoso delle intercettazioni. Come comportarsi se indagando su un reato se ne scopre invece un altro, magari un reato per cui - in base al codice - le intercettazioni non si potevano fare? In teoria, le intercettazioni sono inutilizzabili. Ma i giudici militari di primo e secondo grado se l'erano cavata dicendo che in questo caso i nastri con le chiacchiere dei due imputati non erano semplicemente una prova, ma erano essi stessi il corpo del reato, e quindi potevano entrare a pieno titolo nel processo.
Manco per niente, rispondono le Sezioni Unite nella sentenza depositata l'altro ieri: una intercettazione è un corpo di reato solo quando costituisce essa stessa l'elemento del reato, come nei casi dei processi per violazione della privacy o spionaggio. Ma non è questo il caso dei carabinieri idi Muggia. Così il nastro sparisce dal processo, e gli imputati spariscono di scena. Ma il vero dubbio, più dei quesiti giuridici, è un altro: cosa gli è venuto in testa, quella mattina di dicembre, ai due carabineri?

Commenti

pittariso

Ven, 25/07/2014 - 16:29

Viva l'Italia!Intanto per questa giustizia Monti,letta e Renzi hanno ognuno aumentato il contributo unificato.Smettiamo di pagare,vendiamo e andiamocene da questo paese di m..da.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 25/07/2014 - 16:34

Se facciamo leggi del c...o, è normale che qualcuno le vada a sfruttare.

leo_polemico

Ven, 25/07/2014 - 16:42

Indipendentemente dalla validità o meno delle intercettazioni, giudicate abusive, il reato di "danneggiamento" c'è stato. Spero che almeno i due carabinieri abbiano fatto riparare, a loro spese, la vettura di servizio, che NOI abbiamo pagato con le nostre tasse. Se così non è avvenuto c'è veramente da mettersi le mani nei capelli pensando al "contenuto della testa" dei giudici cui è affidata la "giustizia".

vince50

Ven, 25/07/2014 - 16:47

Italiani popolo bizzarro,per capirlo basta rendersi conto in che "stato" ci siamo ridotti.

Raoul Pontalti

Ven, 25/07/2014 - 16:50

Dunque: si sospetta che dei dipendenti del debito pubblico pagati quindi con i nostri soldi per vigilare affinché la comunità possa vivere tranquilla siano in circolazione invece allo scopo di vessare i cittadini contribuenti mediante irrogazione di sanzioni a capocchia ed eventualmente estorsione di denaro e si piazza pertanto una "cimice" nella vettura. Cercando le prove di un reato odioso se ne scopre invece un altro: il cretino divertimento di fracassare auto costate quattrini dei contribuenti. Non discuto la decisione della Cassazione assunta in punta di diritto, spero però che chi di competenza vigili su quelli che dovrebbero essere i nostri controllori e quando scoprono campioncini come questi provveda come si conviene: cacciandoli!

pittariso

Ven, 25/07/2014 - 16:52

La giustizia non funziona perche i magistrati hanno troppo lavoro!Quanti magistrati e impiegati hanno lavorato a questo caso per 7 anni?Quali i risultati? E noi (autonomi)paghiano per mantenere questa gente.E' ora di finirla.

Mechwarrior

Ven, 25/07/2014 - 17:30

Perchè lo scoprite solo ora che in Italia chi indossa una divisa o lavora per qualche ente statale/regionale/comunale si crede di essere chissà chi? e che gli italiani siano i suoi servitori?

Ritratto di tomari

tomari

Ven, 25/07/2014 - 18:20

Se di cognome, almeno uno dei due, si chiamava Berlusconi; le intercettazioni si sarebbero potute fare.

Ritratto di Markos

Markos

Ven, 25/07/2014 - 18:21

"I NOSTRI BALDI STATALI" DIPENDENTI FORTUNATI DEL DEBITO PUBBLICO , SONO DEGLI ESSERI SUPERIORI , NON COME QUEI LADRI EVASORI CHE TIRANO A CAMPARE NEL PRIVATO E PER GIUNTA SI PERMETTONO ANCHE DI PROTESTARE PER LE TROPPE TASSE E PER I TROPPI STRANIERI CLANDESTINI CHE CIONDOLA TUTTO IL GIORNO PER STRADA .

Ritratto di guga

guga

Ven, 25/07/2014 - 18:22

Già, qui non ci sono di mezzo politici da far fuori ad ogni costo, non ci sono neanche donne di cdx mezzo!!!!! Giudici che ci fate onore all'estero, grazie ehhh

uggla2011

Ven, 25/07/2014 - 18:23

Esiste ancora il codice militare di guerra in tempo di pace?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 25/07/2014 - 18:24

GZORZI di solito le leggi del cazzo le fanno i vostri paladini comunisti :-) le fanno per provocare danni, e quando non provocano danni, ci pensano gli indulti e le amnistie .... ridicoli!!

carpa1

Ven, 25/07/2014 - 18:31

Ecco un altro motivo per cui è più che urgente una profonda revisione della giustizia in Italia. A parte che mi piacerebbe sapere quanti processi su Berlusconi sono stati generati da situazioni simili (vale a dire durante intercettazioni su altri personaggi poi utilizzati contro il Cav), ma non capisco come si possa pensare di mandare assolti due deficienti impuniti con la motivazione che la microspia era stata installata per altri motivi. Ma la vettura l'hanno danneggiata o no? Si sono comportati da cretini o no? Queste sono le vere domande cui i giudici di Cassazione avrebbero dovuto rispondere. E per fortuna che i due appartengono all'Arma tanto decantata. Hanno quantomeno disonorato il corpo di appartenenza e mancato di rispetto al popolo italiano ed alla divisa che indossano: toglietegliela, e si cerchino un altro lavoro se ne sono capaci, magari a fare i meccanici di auto, e vediamo come se la cavano.

MONDO_NUOVO

Ven, 25/07/2014 - 18:32

I GIUDICI HANNO PERSO IL SENSO DELLA REALTA'- PER SIMILITUDINE: SE UN CHIRURGO MENTRE ASPORTA UN TUMORE ALLA MILZA NE VEDE UN ALTRO NEL FEGATO, NON INTERVIENE E RICHIUDE DICENDO: DOVEVO INTERVENIRE SOLAMENTE SULLA MILZA, DI QUALUNQUE CONSEGUENZA NON SONO RESPONSABILE. ALLORA POSSIAMO DEFINIRLO UN MEDICO "CORRETTO" MA NON UN BUON MEDICO. COSI' QUESTI GIUDICI!

robertit2002

Ven, 25/07/2014 - 19:49

cosa buona e giusta perder tempo a processare queste stupidate e prescrivono assassini e rapinatori ecco perchè non funziona la giustizia archiviare queste stupidate

robertit2002

Ven, 25/07/2014 - 19:49

cosa buona e giusta perder tempo a processare queste stupidate e prescrivono assassini e rapinatori ecco perchè non funziona la giustizia archiviare queste stupidate

Ritratto di abj14

abj14

Ven, 25/07/2014 - 20:11

Mah, pensavo che il tribunale militare fosse indipendente e non soggetto a quello civile. Spero comunque che i due cretini in questione siano stati licenziati con un calcio in culo (previa congrua trattenuta su stipendio/liquidazione per i danni arrecati) o, quanto meno, incaricati esclusivamente di pulire i cessi in caserma e poi licenziati perché incapaci di pulire diligentemente i cessi.

bitonco

Ven, 25/07/2014 - 20:18

Due cose vengono da chiedermi: chi ha voluto da sempre restringere le possibilità delle intercettazioni, e come mai si dica che anche se inutilizzabili quelle registrazioni dimostrano la colpa. E' giusto che vadano puniti, però il reato va dimostrato. Se ci sono prove che non puoi utilizzare...beh...peggio per te...io faccio l'avvocato....non facciamo legiferare gli avvocati, perchè fanno SEMPRE l'interesse dell'imputato. Attenzione per favore. Altrimenti arriveremo a legiferare che se voglio intercettarti devo dirtelo ALMENO 45 giorni prima, indicando tutte le utenze che metterò sotto controllo.

mimic16-28

Ven, 25/07/2014 - 20:24

certo e che le barzzellette che fanno sui carab e tutto vero nella realta hahhaha

cgf

Ven, 25/07/2014 - 20:27

nessuno dei carabinieri si chiama Berlusconi quindi le intercettazioni non sono valide.

dani88

Ven, 25/07/2014 - 20:46

Non c'è da meravigliarsi molto, ormai le forze dell'ordine (se cosi vogliamo chiamarle) almeno dove abito io (in veneto) servono solo per fare i controlli con l'alcoltest, quindi per fare cassa (ovviamente solo con gli autoctoni perchè sanno che sono costretti a pagare) oltre a controllare i divieti di sosta e cavolate varie. Quando vedono un delinquente fanno finta di niente, e quando sono chiamati per un reato per loro è una scocciatura. E c'è anche qualcuno che osa dire "beh per 1500 euro al mese devono rompersi le scatole?!" Io ripulirei dalla feccia la mia città (e le altre) anche GRATIS.

Linucs

Ven, 25/07/2014 - 20:50

Mandateli a Nassiriya.

Linucs

Ven, 25/07/2014 - 21:00

Tutti i cosiddetti "servitori dello stato", specie se girano armati, dovrebbero essere videosorvegliati 24 ore al giorno, almeno finché il cittadino non avrà possibilità di tutelarsi concretamente in altra maniera.

giottin

Ven, 25/07/2014 - 21:08

Le intercettazioni si usano solo se si tratta di Berlusconi!!

colian

Ven, 25/07/2014 - 21:26

Cassazione sempre impietosa e rompicoglioni con gli innocenti, sempre comprensiva e lassista con i colpevoli.

paolonardi

Ven, 25/07/2014 - 21:51

Le intercettazioni accidentali possono costituite prova, soprattutto se non chiare ma interpretabili, solo nei procedimenti che vedono implicato Silvio Berlusconi.

ninitirabuscio

Ven, 25/07/2014 - 22:41

Bla bla bla, bla bla bla...mi raccomando, pecorelle, domani mattina tutti a fare la fila per pagare gli stipendi di questi privilegiati, fannulloni, altezzosi, forti con i deboli e caga sotto con i forti. Carabinieri mah...

Ritratto di odoiporos

odoiporos

Ven, 25/07/2014 - 23:10

Da carabiniere mi sento di chiedere scusa per questo caso allucinante che denota 2 cose - prima cosa che anche nelle forze dell ordine è pieno di feccia umana perchè i vertici sono marci e pensano solo a fare carriera a non incappare in guai giudiziari che praticamente è oramai impossibile per chi un minimo vuole imprimere una certa energia alla propria azione. Questi nostri vertici ormai concentrati solo a guardare i cazzi loro hanno permesso di tutto e di piu in basso facendo reclutare personale di infima levatura morale e caratteriale tollerando atti allucinanti per non invischiarsi in contro ricorsi o in azioni di risposta dei dipendenti che oramai anche grazie al sindacato pretendono di tutto e di più anche di non lavorare o pretendono che nessuno li controlli nel loro lavoro. - la magistratura è oramai un agglomerato di burocrati che non si rende conto dei danni che sta provocando attraverso operati come questo nell articolo dove , dopo 7 anni e dico 7 anni, sono stati in grado di negare una verità fattuale incontrovertibile per mero cavillo burocratico. Inoltre ha assunto un potere troppo elevato che addirittura è capace di annientare leader politici, partiti e grossi agglomerati imprenditoriali. Figuriamoci cosa può fare nei confronti degli altri ppoveri umani che siamo noi. Ci può spazzare via con un mignolo

Asimov1973

Sab, 26/07/2014 - 00:45

Ah quindi le intercettazioni illegali valgono solo per Berlusconi previa travisazione del significato ma non per due pezzi di merda terroni che offendono la patria e la divisa che indossano, chiaro esempio di come l'idea comunista amica dei froci, drogati e zingari abbia spazzato via ogni sentimento di identità di patria e rispetto verso l'uniforme

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 26/07/2014 - 01:05

Se nei nastri delle registrazioni si sente il motore imballato che si schianta ALLORA QUEI NASTRI SONO UNA PROVA INEQUIVOCABILE. CHIEDIAMOLO ALLA BOCCASSINI COME SI FA AD USARE LE REGISTRAZIONI ABUSIVE PER INCASTRARE GENTE INNOCENTE.

gustavodatri@vi...

Sab, 26/07/2014 - 05:34

Ma non devono essere anche giudicati dalla magistratura militare? Speriamo che almeno li mettano in cantina al buio per farli marcire.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 26/07/2014 - 09:26

comunque sia, si sono sputtanati alla grande, questi due carabinieri. ovunque saranno, saranno destinati a servizi che non richiedono piu l'uso dell'auto, come sistemare l'archivio, ricevere denunce.... :-)