Il cd di Noemi: "Dopo X Factor duetto con la Mannoia"

Rivelazione della giovane cantante, sorpresa del talent show di Rai2 della passata stagione

Roma - «Sono arrivata in serie A e voglio solo musica». È uscito Sulla mia pelle e Noemi è un fiume in piena. La rossa cantante romana, lanciata da X Factor, trasforma la conferenza stampa in un divertente show improvvisato. «Il disco è un sogno diventato realtà e sono consapevole che senza l'esperienza in tv non ci sarei arrivata, ma non farò l'errore di diventare personaggio televisivo». Negli occhi ha grande determinazione, unita alla consapevolezza di dover lottare per confermare il successo di Briciole. «Credo di avere buone potenzialità. Se così non fosse, Fiorella Mannoia non avrebbe accettato di duettare con me. Come lei, canterò solo cose che mi piacciono. Per il disco ho scelto brani che avrei ascoltato volentieri, con testi diversi dal solito. È il caso di Per colpa tua, scritta da Francesco Bianconi dei Baustelle, ironica e tagliente. Non mi interessano i pezzi fighetti che intasano le noiose programmazioni radiofoniche».

Noemi è perfettamente consapevole della visibilità che ha in questo momento. I suoi studi su cinema e televisione le permettono di comprendere a fondo le dinamiche del successo legato all'apparire, tant'è che il discorso sfiora l'argomento Noemi (Letizia), ingombrante omonima: «Abbiamo seguito percorsi artistici diversi - commenta con deliziosa ironia - però in fondo mi fa pubblicità». Si parla di passioni musicali, della voglia di cantare dal vivo. «Morgan mi ha tirato fuori dal mondo del rhythm & blues e del rock anglosassone, avvicinandomi alla musica italiana. Ha grande sensibilità e voglio che scriva qualcosa per me. Spero anche di poter cantare brani di Fossati e Curreri». Definisce il disco «un concept-album sulle storie finite male», osservando che canta «pene d'amore scritte da maschi, ideali per la mia voce da bel travestitone».