La Cdl: "Caos istituzionale, governo allo sbando"

Bondi (Fi): "Situazione di marasma politico". Buttiglione (Udc): "La cerimonia d'insediamento sarebbe stata un atto di intimidazione verso la Corte dei Conti". Franco (Lega): "Caos istituzionale"

Roma - L’opposizione ha chiesto in blocco, sia alla Camera che al Senato, che il governo venga subito a riferire in Aula i motivi del rinvio dell’insediamento del generale D’Arrigo alla guida delle Fiamme Gialle. 

Bondi: "Marasam politico" "L’annullamento della cerimonia di insediamento del nuovo Comandante Generale della Guardia di Finanza dimostra l’assoluta fondatezza dei rilievi mossi dalla Corte dei Conti e conferma che ci troviamo in una situazione di marasma politico e istituzionale molto grave per responsabilità di questo governo". Lo dice Sandro Bondi, coordinatore nazionale di Forza Italia.

Buttiglione: "Vicenda accompagnata da gravi scorrettezze" "Più che uno scambio di consegne - dichiara il presidente dell'Udc Rocco Buttiglione - si sarebbe trattato di una vera presa del potere da parte di un nuovo comandante designato dal governo in assenza della registrazione dell’atto da parte della Corte dei Conti. Il generale D’Arrigo - osserva Buttiglione - è un valoroso ufficiale ed è l’uomo giusto nel momento e nel modo sbagliato, mentre confermiamo la nostra stima nei confronti della sua figura di soldato e di servitore dello Stato, insistiamo nel denunciare le gravi scorrettezze che hanno accompagnato tutta questa vicenda e attendiamo fiduciosi che la Corte dei Conti esprima il suo giudizio. Una cerimonia di insediamento in attesa della registrazione dell’atto - conclude il centrista - sarebbe stato un chiaro atto di intimidazione verso la Corte e si sarebbe collocato al limite o oltre il limite della legalità repubblicana".

"L'Italia è allo sbando" "Siamo nel caos. L’Italia con Prodi è allo sbando. Il clamoroso rinvio della cerimonia di insediamento del comandante della Guardia di Finanza è un vero de profundis per il governo unionista. Prova la protervia di questo esecutivo che ha sbagliato tutto anche nell’iniqua sostituzione del generale Speciale. Una figuraccia che non ha precedenti nella storia della Repubblica. Il governo Prodi è la vergogna d’Italia". Lo afferma la vicepresidente dei deputati di Forza Italia, Isabella Bertolini.

Caos istituzionale "Il caos istituzionale creato dalla maggioranza e dal governo per difendere l’indifendibile Visco ha prodotto un altro guaio". Così il vicepresidente dei senatori della Lega Paolo Franco commenta l’annullamento della cerimonia di consegna tra i generali Speciale e D’Arrigo. "Avevamo denunciato l’illegittimità politica e giuridica della destituzione del generale comandante della Guardia di Finanza - spiega Franco - e i dubbi espressi dalla Corte dei Conti lo dimostrano. È evidente, oggi, che esiste una vera emergenza democratica che lascia la Guardia di Finanza senza comando la cui colpa - conclude il senatore della Lega - va addebitata interamente al governo Prodi".