La Cdl infuriata con l’assessore: «Non ha mantenuto gli impegni»

De Corato: «Doveva attendere il vertice di lunedì». Bozzetti: «Ha mancato di rispetto ai partiti»

Il sindaco Gabriele Albertini tace. Dopo il match Goggi-La Russa rimanda qualsiasi commento a lunedì, finito il pranzo già fissato a Palazzo Marino con i coordinatori regionali della Casa delle libertà. Parla, invece, Riccardo De Corato. «Come tutti sanno - interviene il vicesindaco in quota An - gli esponenti dei partiti della maggioranza hanno chiesto ad Albertini un approfondimento sui tempi e le modalità di apertura dei nuovi cantieri dei parcheggi sotterranei, isole ambientali e pedonali». Richiesta, secondo De Corato, inascoltata. «Inopportuno - sottolinea - l’atteggiamento dell’assessore Goggi che ha disatteso la decisione presa nel vertice che si è tenuto tra il sindaco e tutti i partiti della Cdl. Sarebbe stato corretto nella forma e nella sostanza aspettare l’incontro di lunedì tra il sindaco e i segretari dei partiti della maggioranza con i quali verranno stabiliti modalità e tempi d’apertura dei cantieri».
Interpretazione condivisa da Giovanni Bozzetti, presente alla scenataccia. «Il comportamento di Goggi - stigmatizza l’assessore - ha mancato di rispetto ai partiti. Quella di An non è una pregiudiziale o un’ostilità preconcetta nei confronti delle isole ambientali. Semplicemente vanno valutate le tempistiche dei singoli progetti. Non credo che il sindaco abbia dato via libera alla conferenza stampa con la riunione di lunedì già convocata». Più severo con il nuovo progetto l’assessore Roberto Predolin. «L’intervento di La Russa ha posto l’accento su un problema importante: la creazione di nuove isole ambientali è incoerente con la situazione attuale. Quelle già fatte hanno creato molti problemi e il commercio ne ha ricavato solo danni».
Severa con La Russa, ma anche con Goggi, la posizione del capodelegazione di Forza Italia a Palazzo Marino. «La Russa - spiega Bruno Simini - può avere ragione nel merito, ma ha sicuramente sbagliato nella forma. Non ci si comporta così, tra di noi ci vuole più rispetto. Condivido, invece, la richiesta di An di posticipare l’annuncio del progetto». Per il responsabile regionale di Fi Maurizio Lupi, «avevamo previsto che si sarebbe discusso caso per caso di isole ambientali e il percorso andava rispettato». «Su questo tema l’assessore Goggi evidentemente non ha capito la posizione degli esponenti della Cdl e del sindaco Albertini», la posizione del coordinatore regionale dell’Udc Domenico Zambetti. È «la solita fuga in avanti inaspettata», sbotta il capogruppo di An Stefano Di Martino. Goggi non è nuovo a queste decisioni che poi lasciano la maggioranza in mezzo alle proteste e al dissenso dei cittadini».
«A Milano si respira aria di vera crisi - gongola il diessino Emanuele Fiano -. L’ennesimo segnale del nervosismo e della divisione che serpeggiano nella giunta Albertini. Invece di affrontare la campagna elettorale presentando alla città un resoconto di opere degne di questo nome, un pezzo della giunta è costretta a fermare i cantieri per paura di emorragie elettorali».