La Cdl: meccanismo incostituzionale

da Roma

Incostituzionale. È questa l’accusa più grave mossa dal centrodestra contro il meccanismo tributario che, concedendo lo sblocco delle addizionali locali, finisce per erodere le deduzioni fiscali per le famiglie più numerose.
La muove per primo Paolo Bonaiuti dalle telecamere di Omnibus su La7. «Si profila un’eccezione di costituzionalità - osserva il portavoce di Silvio Berlusconi -. Siamo al massimo dell'ingiustizia: non solo tasse più alte, ma le deve pagare senza alcuna deduzione anche per chi ha più figli».
E aggiunge: «In pratica questo governo, lasciando libertà a Comuni e Regioni di applicare un’addizionale, ha permesso che aumentino moltissimo i tagli nelle buste paga dei lavoratori. E non è più ammissibile la deduzione per chi ha più figli».
Da qui, l’incostituzionalità. Argomento sul quale torna anche Riccardo Pedrizzi, responsabile per An delle politiche per la famiglia. «Come dimostrato dagli studi pubblicati sul Sole-24 ore - commenta l’esponente di Alleanza nazionale - la manovra del governo disconosce il principio costituzionale del “favor familiae”, calpestando gli articoli 29, 30 e 31 della nostra Carta fondamentale». Pedrizzi, ma con lui anche il vicecapogruppo di Forza Italia Isabella Bertolini, aggancia la vicenda fiscale alle polemiche politiche sui Dico. Per il parlamentare di An la famiglia è al centro di un’azione a tenaglia del governo: da una parte la colpisce attraverso i Dico, dall’altra con le tasse. «Ma difenderemo noi la famiglia», anticipa la deputata azzurra. E Antonio Palmieri di Forza Italia presenta una proposta di legge per introdurre una no tax area per chi fa più figli e la detraibilità fiscale delle bollette di luce e gas per le famiglie numerose. Una proposta che è possibile sostenere on line attraverso il sito www.vivalafamiglia.it.
Sull’argomento tasse interventono anche Gioacchino Alfano e Osvaldo Napoli. Alfano ricorda che Forza Italia è «contraria a ogni addizionale». E per fare chiarezza sul meccanismo del prelievo dalle buste paga, chiede al ministro dell’Economia di concentrare la trattenuta in busta paga in un unico momento.
Più polemico nei confronti di Visco è Osvaldo Napoli. Il deputato invita il viceministro a non polemizzare col Sole-24 ore. «Noi l’avevamo detto che sarebbe arrivata la stangata», ricorda il segretario dell’Ugl, Renata Polverini. «E oggi dobbiamo constatare come le nostre previsioni fossero giuste». Ironico il commento di Italo Bocchino su Padoa-Schioppa: «Il suo outing che era stato bocciato all’esame di economia era inutile. Bastava leggere la finanziaria che ha portato in Parlamento per capirlo».