Cdp Investirà entro l’anno nelle infrastrutture

La Cassa depositi e prestiti guidata dai nuovi vertici lancerà la sua nuova funzione di investitore diretto nelle infrastrutture realizzando nel corso di quest’anno almeno un’operazione con le modalità del project financing. La Cassa può attingere a fondi per oltre 100 miliardi della raccolta postale, parcheggiati oggi presso il conto corrente di Tesoreria, mossa che obbligherà il Tesoro a emettere più titoli di Stato. Lo hanno spiegato Massimo Varazzani e Franco Bassanini, ad e presidente della Cdp in corso di trasformazione.
Il nuovo ruolo che vedrà la Cdp investire il risparmio postale direttamente nelle infrastrutture avrà anche una ricaduta sul debito pubblico. La Cdp, infatti, inizierà a utilizzare gradualmente parte della raccolta postale che ora è parcheggiata sul conto corrente di Tesoreria, a completa disposizione del ministero dell’Economia e che, quindi, fa parte dello stock di debito pubblico. Nel momento in cui la Cassa inizierà a investire nelle infrastrutture l’importo impiegato andrà, quindi, sostituito dal Tesoro con nuove emissioni di titoli di Stato.
Intanto si apprende che la Cdp e la francese Cdc (Caisse des Dépôts et Consignations) sono pronte ad ulteriori iniziative comuni per ottimizzare l’azione delle due istituzioni e daranno il proprio contributo al lavoro di istituzioni comunitarie e internazionali. La notizia emerge dalla visita di una delegazione della Cdc guidata dal direttore generale, Augustin de Romanet, a Bassanini e Varazzani. L’incontro, spiega una nota, si inserisce in una lunga tradizione di contatti regolari tra due istituzioni che condividono fin dall’origine valori e missioni. Tradizione di recente rinnovata dall’affidamento alle due Casse di nuovi compiti da parte delle istituzioni europee e nazionali. La giornata di lavoro ha consentito di fare il punto sullo stato di avanzamento di tre progetti che vedono attualmente Cdp e Cdc collaborare fianco a fianco in iniziative finalizzate alla crescita economica e alla stabilità finanziaria europee.