Cdp, riassetto partecipazioni a inizio 2008

La Cassa depositi e prestiti affronterà la questione delle proprie partecipazioni in Eni, Enel e Terna nel prossimo piano industriale. Lo ha detto ieri il direttore generale della Cdp, Antonino Turicchi. «Il tema dell’eventuale riassetto delle partecipazioni verrà affrontato con il nuovo piano industriale a inizio 2008», ha risposto Turicchi a margine dell’assemblea Uir ai cronisti che gli chiedevano se la Cdp andrà verso una specializzazione nelle partecipazioni in società di reti come Terna e Snam rete Gas, dismettendo quelle in Eni ed Enel. Del resto, ha fatto notare Turicchi, le eventuali dismissioni delle quote dovrebbe avvenire tra il 2007 e il 2009, quindi, ha concluso, «è giusto occuparsene dal 2008». L’Antitrust ha condizionato il via libera all’acquisto della quota in Terna alla cessione di quella detenuta in Enel.