Cecchino barricato in chiesa uccide il sagrestano e un agente

da Moscow (Stati Uniti)

Notte d’inferno nella tranquilla cittadina di Moscow, nell’Idaho, con circa 20mila abitanti: un cecchino ha ucciso almeno due persone, tra cui un poliziotto, e ne ha ferite tre, tra cui un vice sceriffo, prima di togliersi la vita sparandosi un colpo alla testa nella chiesa presbiteriana del centro della città in cui si era rifugiato.
Chi sia l’uomo e quali siano le ragioni che lo hanno spinto a sparare, nel cuore della notte, decine di colpi con il suo fucile automatico contro il palazzo di giustizia locale, la polizia per il momento non lo dice, e forse neppure lo sa. Fatto sta che la cittadina del nord dell’Idaho, al confine con lo Stato di Washington, ha vissuto ore d’inferno, con la polizia locale e statale che hanno preso d’assedio per diverse ore la chiesa dove il cecchino si era rifugiato, prima di uccidere il custode del First Presbyterian Church e di suicidarsi.
L’Idaho, coperto dalle Montagne Rocciose, prevalentemente agricolo, è uno degli Stati più spopolati dell’Unione, con meno di un milione e mezzo di abitanti in una superficie pari ai due terzi di quella dell’Italia. Finisce molto di rado sulle prime pagine dei giornali, vista l’assenza di cronaca.
Moscow possiede una delle principale università dello Stato, la University of Idaho, dedicata soprattutto all’agronomia, ma il campus (molto bello, opera degli autori del newyorchese Central Park) si trova in aperta campagna, lontano dal centro in cui si sono verificati gli incidenti. La dinamica dei fatti non è ancora molto chiara, ma secondo le prime ricostruzioni, intorno alle 23.30 di sabato (la 08.30 di ieri in Italia) un uomo avrebbe iniziato a sparare all’impazzata contro il palazzo di giustizia, esplodendo almeno 75-80 colpi di arma da fuoco da un parcheggio in poco meno di 2 ore, prima di asserragliarsi nella chiesa adiacente, quasi immediatamente circondata da ingenti forze di polizia e isolata dal resto della città. Nella sparatoria sono stati feriti gravemente due poliziotti, il vice sceriffo Brannon Jordan e Lee Newbill, deceduto in seguito all’ospedale locale, il Gritman Medical Center. I due cadaveri nella chiesa sono stati trovati all’alba di oggi, quando la polizia ha fatto irruzione all’interno. Accanto a uno di loro c’era un fucile automatico, ha spiegato alla stampa il vice capo della polizia locale, David Duke, lasciando intendere che il cecchino, ormai senza scampo, si è tolto la vita dopo avere ucciso l’altro uomo.