Tra Cechov e Goldoni c’è anche la Mannoia

Tradizionale e contemporaneo. Sono i filoni che ispirano la nuova stagione del teatro Civico della Spezia. L'obiettivo, spiega il sindaco Giorgio Pagano, è «offrire soprattutto occasioni di divertimento, di approfondimento, di conoscenza», perché il teatro sia «un luogo di aggregazione e spingere le nuove generazioni verso l'abitudine positiva di incontrarsi nelle strutture culturali». Teatro come crescita, insomma. E infatti in calendario ci sono cantanti come Fiorella Mannoia, artisti complessi come Moni Ovadia, cabaret con Vergassola e Riondino, ma anche operetta e classici e gruppi locali. Si comincia il 6 e 7 novembre, con Se stasera sono qui, con Loretta Goggi, regia di Gianni Brezza. Il 10 novembre, Alice, una meraviglia di paese con Lella Costa, e la compagnia Irma spettacoli. Il 15 novembre, Todos Caballeros, con Dario Vergassola e David Riondino. Mercoledì 22, La chiusa di Conor Mc Pherson. Il 28, Le storie del dottor Keuner di Brecht, con Moni Ovadia. Sabato 2 dicembre Paola Cortellesi propone Gli ultimi saranno gli ultimi. Il 16, Tin Pan Alley, la via del Musical, con Pietro Sinigaglia. Il 19 e 20 dicembre, Il barbiere di Siviglia. Il 21, concerto gospel. Il 31 dicembre, concerto di fine anno con la filarmonica Constantinescu di Ploiesti, Romania. Sabato 13 gennaio, Opera Comique con Nicola Fano. Il 19, Carta Diva, con Ennio Marchetto. Il 18 gennaio, orchestra sinfonica di Sanremo. Il 25 Al cavallino bianco, operetta, con il corpo di ballo Les Grisettes. Il 26 gennaio, Inti Illimani in concerto. Il 30, Macbeth con il Teatro Stabile di Brescia. Il 6 febbraio, Il teatro comico di Goldoni. Il 9, Fiorella Mannoia in concerto. Il 12 febbraio, Il giardino dei ciliegi di Cechov, con La nuova Fenice. Il 16 Io Paolino doppio show, con Paolino Ruffini. Il 23, Psicoparty con Antonio Albanese. Giovedì primo marzo Dissonorata, con Saverio Laurina. Il 3 marzo, La vedova allegra, con la compagnia italiana di operetta. Il 6 marzo, Questi Fantasmi, di Eduardo de Filippo, con Silvio Orlando. Il 15, La notte araba, con il teatro della Tosse. Il 16, In viaggio con Enrico, con Matteo Taranto. Il 17, orchestra sinfonica di Sanremo. Il 20, 30 anni senza condizionale, di Gianfelice Imparato. Il 27, La busta, di Spiro Scimone. Il 4 aprile, Farsa, di Massimiliano Civica. Il 16 aprile, Il custode di Harold Pinter.