Cei, vescovi non obbligati a denunciare i pedofili

Le linee guida per i casi di abusi sessuali nei confronti dei minori sottolineano il "dovere morale di contribuire al bene comune", ma escludono l'obbligo giuridico di rivolgersi alle autorità

Nei casi di pedofilia il vescovo non ha nessun obbligo di denunciare il fatto alle autorità giudiziaria, "non rivestendo la qualifica di pubblico ufficiale". A dirlo è la Conferenza episcopale italiana che sottolinea però "il dovere morale di contribuire al bene comune".

Nelle sue linee guida per affrontare gli abusi sessuali, la Cei raccomanda inoltre ai vescovi di dedicare un'attenzione maggiore nel valutare i candidati al sacerdozio anche grazie a una "rigorosa attenzione allo scambio di informazioni sui candidati al sacerdozio che si trasferiscono da un seminario all'altro".

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 28/03/2014 - 16:09

Sicuramente in politica ci sono centinaia di sepolcri imbiancati. Ma per quanto riguarda gli ipocriti (e talora i pedofili) porporati, la Curia non è seconda a nessuno.

Massimo Bocci

Ven, 28/03/2014 - 16:39

Predono solo i nomi, per organizzare le prossime........FESTE!!!

canaletto

Ven, 28/03/2014 - 16:58

DOVREBBERO SAPERE CHE ESISTE L'AUTO DENUNCIA. SVERGOGNATI, GUARDATEVI ALLO SPECCHIO VECCHI SUDICIONI

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 28/03/2014 - 17:04

Caro Menphis35, questa volta non sono d'accordo con te. A scanso di equivoci premetto che condano i pedofili senza se e senza ma, tuttavia qui la questione è diversa. I preti sono dei "pastori", predicano il giusto comportamento di tutti ma non sono tenuti a denunciare nessuno. Dal punto di vista cristiano si condanna il peccato ma non il peccatore a cui pensa Dio e, prima di lui, la giustizia umana. Se non fosse così come potrebbero i preti confessare i peccatori? Anche se hanno commesso omicidio il prete non ha l'obbligo di denunciare, anzi, ha il dovere della sua fede di non farlo. Da un punto di vista della convivenza sociale l'avrebbe, se venisse a conoscenza di un fatto e di relativa/e vittima/e, al di fuori della confessione. Il prete, tuttavia, per sua fede non si mischia nei disegni di Dio verso chiunque, giusto o colpevole che sia. Accetta perfino la morte dei giusti e dei sofferenti senza strapparsi troppo i capelli, vuoi che non accetti l'esistenza dei peccatori, andando subito a denunciarli? Sarebbe come chiedere alla Chiesa di cambiare la sua fede e i suoi comportamenti in base alle norme di legge. E' impensabile. Ovviamente tutti i pedofili che si trovano dentro la chiesa sono da condannare e da portare in giudizio ma questo spetta alla legge e alla società ma non lo si può pretendere dai preti, oltre un certo limite.

MONDO_NUOVO

Ven, 28/03/2014 - 17:44

OGNUNO PARLA SECONDO CIO' CHE HA NEL CUORE... UN ALBERO DI FICHI NO PUO' PRODURRE PESCHE E QUESTI QUA SOPRA NON FANNO ECCEZIONE... SPUTARE FANGO E VELENO PER FAR CREDERE LA CHIESA UNA COSA IMMONDA E' ROBA VECCHIA, MA COME LA STORIA E I FATTI DIMOSTRANO I RAMI SECCHI CADONO E LA CHIESA UNITA A CRISTO RISPLENDE NEL MONDO PER LA SANTITA' DI TANTI SUOI FIGLI.

abocca55

Ven, 28/03/2014 - 18:46

Il cristianesimo è per chi non conosce la storia. Il cristianesimo è una frangia riformista e scismatica dell'ebraismo, come l'islam. L'Uomo colto abbraccia la Religione Universale, unendosi direttamente al Divino, Uno e Trino, quale fonte unica di ogni cosa, e come tale Assoluto.

Giovanni Evolani

Ven, 28/03/2014 - 21:33

Sono chiaramente complici de misfatti dei confratelli. Ora salta fuori che non "POSSONO" denunciare i pedofili perché non sono obbligati a farlo. Sono comunque colpevoli di complicitá in abusi sessuali contro minori, COMUNQUE!!!! Un discepolo di Gesú Cristo. Giovanni Evolani

papik40

Sab, 29/03/2014 - 00:21

Caro Papa Francesco come puoi permettere una simile ignominia? Tu che, con buona ragione, non perdoni i corrotti non solo perdoni ma permetti ai tuoi preti pedofili di continuare ad abusare sessualmente dei minori autorizzando, di fatto, i tuoi vescovi a non denunciarli alle autorita'? Tu cosi' illuminato, moderno e saggio come fai aa accettare un simile obbrobrio? Non ti rimorde la coscienza a permetter ai poteri forti (ottusi!) della chiesa di prendere nuovamente il sopravvento? Sappiamo che la chiesa e' piena di pedofili e che i suoi membri praticano senza la minima vergogna l'omosessualita' non disdegnando anche l'eterosessualita'! Quando hai intenzione di ripulire la tua "casa" da simile marciume perpetrato di chi ha fatto voto di castita'? Sono un mangiapreti che stava riconsiderando il ruolo "morale" della chiesa ma certamente questa decisione non fa altro che accrescere la mia disistima su tutta la chiesa! Mancano poche cose che mi aspetto da te per dare dignita' e credibilita' alla chiesa cattolica: immediata denuncia e riduzione allo stato laico dei preti pedofili, comunicare movimenti e nomi dei clieti dello IOR presenti e passati e sotto l'aspetto etico regolamentare l'uso del preservativo, l'eutanasia e l'aborto!

michaelsanthers

Sab, 29/03/2014 - 00:55

questa gente se piegasse un pò la schiena a guadagnarsi la pagnotta e a constatare che il pane si fa col grano e non coi loro sermoni,capirebbe tante cose