Cellule staminali per curare l’ischemia

L’ospedale Monzino recluta pazienti sofferenti d’ischemia, per riparagli il cuore con le cellule staminali. La riparazione è resa possibile attraverso l'introduzione nel cuore delle cellule staminali ottenute dal midollo osseo del malato. Una cura che al centro cardiologico di via Parea il direttore scientifico professor Paolo Biglioli, direttore della cattedra di cardiochirurgia dell'Università di Milano, aveva già sperimentato con successo su alcuni pazienti. Ma che per tre anni ha dovuto interrompere per consentire l'adeguamento alle nuove regole in materia di sperimentazioni delle staminali disposte dall'Agenzia Italiana per il Farmaco. «Adesso non ci sono più motivi per non sbloccare la sperimentazione - ha annunciato il professor Biglioli - siamo in grado di rispettare appieno gli standard industriali poichè abbiamo scelto come partner l'officina di produzione cellulare del Laboratorio Verri dell'ospedale San Gerardo di Monza. È assurdo andare trattare i pazienti in Germania quando potremmo farlo qui».