Cementieri in rialzo

Il tentativo di risollevare i mercati è stato vanificato anche ieri da nuovi massicci ordini di vendita sul finale. Gli indici principali hanno azzerato i progressi dell’apertura e solo l’AllStars ha conservato un rialzo dello 0,65%. A trascinare al ribasso il listino, il nuovo dietrofront degli energetici e dei telefonici, mentre sostanziali migliorie hanno interessato i cementieri come Italcementi (più 5,5%), Buzzi Unicem (più 5%), Cementir e Astaldi(più 4,6%). Giornata positiva per i bancari, con Bpm in tensione in vista di annunci di un possibile merger con altra banca. Bene Unicredit (più 2,7%), ma richieste anche Montepaschi e Mediolanum. Giornata negativa per Fiat(meno 2,6%), mentre non si arresta il declino di Pininfarina, che anche ieri ha perso circa il 5%. Nel limbo del listino realizzate le Prysmian (meno 3,2%), ma in positivo le Marcolin (più 11%).