Una cena a prezzi «onorevoli»

Una provocazione? Sì, ma in tempi di crisi anche - allo stesso tempo - un aiuto a chi è a corto di quattrini e un gesto addirittura politico, quasi civile: da qualche giorno, con un buon successo, i ristoranti «Il pioppeto» e «Dalla Mena» a Romano D’Ezzelino offrono ai loro clienti il «Menu Palazzo Madama». La particolarità sono i prezzi: riso all’inglese 1,60 euro, tagliolini casalinghi con olio extravergine, stesso prezzo, spaghetti pomodoro e basilico, 2,50 euro. La qualità è garantita: il ristoratore Sergio Dussin cucina anche per pranzi ufficiali del Vaticano. «Un segnale per far capire la disparità e i privilegi che affossano l’Italia» ha spiegato Dussin ad alcuni suoi clienti stupiti dei prezzi. Il 5 per cento dei primi piatti che serve sono ad oggi a prezzi «senatoriali». A fianco, c’è anche il menu più costoso. «Certo, spiega Dussin, non ho potuto mettere il filetto di orata in crosta di patate a 5,23, come al Senato. Mi sarei rovinato».