In cenere o no? L’incerto destino dei dossier Tavaroli

Cosa succederà dei dossier accumulati su vip e carneadi dall’Ufficio Sicurezza di Telecom sotto la guida di Giuliano Tavaroli? La Corte Costituzionale doveva pronunciarsi sulla legittimità della legge nota appunto come «legge Tavaroli», varata dal Parlamento quando esplose lo scandalo, che prevedeva la distruzione dei dossier illeciti. Ma l’udienza fissata per lo scorso 28 gennaio è stata rinviata al 25 febbraio. Un breve rinvio ma sufficiente a cambiare lo scenario: anche perché il 25 febbraio la Corte non sarà più preceduta da Giovanni Maria Flick, che va in pensione. Ma una decisione andrà presa anche perché il 25 marzo il giudice milanese Giuseppe Gennari dovrebbe, in un’udienza apposita, decidere già l’incenerimento dei faldoni con i loro (presunti) segreti. E il 31 marzo inizierà l’udienza preliminare a carico di Tavaroli e soci, basata proprio sui dossier che nel frattempo potrebbero essere stati inceneriti...