CENONE Esotico o chic, ma a suon di lenticchie

Il Capodanno 2007 è ormai alle porte. Il conto alla rovescia per organizzare i festeggiamenti nel migliore dei modi è già partito. Ma i milanesi a quanto pare quest’anno hanno preferito una serata un po’ sottotono.
Secondo una ricerca della Camera di commercio spenderanno per il Capodanno non più di 47 euro contro gli 85 che invece sborseranno nel resto dell’Italia per i festeggiamenti. La metà degli intervistati ha confessato che resterà a casa, il 20 per cento sarà a cena con gli amici. Magari in qualche ristorante della città. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche: dai locali più lussuosi di alta cucina - la cena qui può arrivare a costare anche 270 euro a persona - alle più tranquille trattorie, che propongono menù della tradizione o servizio alla carta, con il cotechino e le lenticchie a mezzanotte: più contenuto il prezzo, che va dai 50 ai 100 euro. E per i ritardatari o per chi volesse restare a casa senza però affaccendarsi ai fornelli ci sono le gastronomie: fra prelibatezze di ogni tipo, vanno ben al di là del semplice ripiego, soddisfando occhi e palato al tempo stesso. Infine, non mancano le alternative originali. Sempre che non si rientri in quel 2,5 di milanesi convinti che quella di domani sia una serata «come tutte le altre».