Censis: Roma capitale dell'insicurezza Pdl: colpa di Veltroni

Il sindaco Alemanno: "E' la città che abbiamo ereditato dopo quattordici anni di centrosinistra". Secondo una ricerca effettuata fra dieci capitali del mondo Roma è la città più "spaventata: il 58% dei cittadini si sente insicuro

Roma - "Questa è la Roma che abbiamo ereditato dopo 14 anni di centrosinistra, è la Roma che ha gravi problemi sulla sicurezza". Ha commentato così, il sindaco Gianni Alemanno, i dati della statistica del Censis che attribuiscono alla capitale il triste primato di città più spaventata del mondo.

Alemanno : "C'è bisogno di nuove certezze" "Noi l’abbiamo sempre detto sia prima in campagna elettorale sia ora. Ci hanno risposto che volevamo fare uno Stato di polizia, che volevamo enfatizzare la paura dei cittadini. Invece l’inquietudine c’è", ha proseguito il sindaco a margine del VII congresso Uil al Palazzo dei congressi. "A questo si aggiunge anche un’inquietudine di carattere sociale che è legata al ciclo economico complessivo dell’Italia e dell’Europa - ha aggiunto - Ma il dato di fondo è che noi abbiamo sempre sottolineato che Roma ha bisogno di nuove certezze e nuove regole e su questo stiamo lavorando molto intensamente. Da questo punto di vista purtroppo raccogliamo i frutti di tanti anni in cui il problema della sicurezza dei cittadino è stato totalmente ignorato".

La città più spaventata Roma "capitale del disagio" e i suoi cittadini impauriti. È la fotografia scattata dal Censis in un’indagine su 10 metropoli del mondo. L’analisi è stata condotta a New York, Bombay, Londra, Parigi, Roma, Il Cairo, San Paolo, Mosca, Pechino e Tokyo con un campione di 5000 cittadini in rappresentanza di 130 mln.

Paura e incertezza nella capitale Il dato che emerge riguarda l’Italia:alla domanda "quale sentimento meglio descrive il suo rapporto con la vita?" Il 46% dei romani ha risposto con "incertezza", il 12% con "paura". La somma di questi stati d’animo (58,2%) rimanda ad un’immagine della città più infelice tra quelle prese in esame a fronte di una media internazionale del 36%. Se il disagio caratterizza i romani più che gli altri cittadini del mondo è anche perchè "a Roma e in Italia sono particolarmente sentite le paure in rapporto con la violenza e la sicurezza personale - ha spiegato il direttore del Censis Giuseppe Roma - mentre nelle altre metropoli internazionali ci sono altri problemi come la fame".

Timore di non essere autosufficienti
Alla violenza, secondo gli studiosi del Censis e della Fondazione Roma, si affiancano la "paura in dimensione individuale" cioè quella di non essere più autosufficienti; le paure materiali come perdere il lavoro o non trovarlo e quelle più generali, come quella di disastri ambientali.