La centenaria non lascia casa? Imprevisti della nuda proprietà

Quando comprò quell’appartamento, quattro anni fa, le sembrò un affare senza precedenti: 290mila euro per centodieci metri quadri in un palazzo storico del prestigioso rione Monti. La nuda proprietà, certo. Ma la signora che lo abitava aveva 97 anni e - almeno così garantì l’agenzia immobiliare - non pochi acciacchi. Ora gli anni sono passati e la signora in questione, che di candeline ne ha spente ben 101 e per sua fortuna gode di ottima salute, non ne vuole sapere di lasciare la sua casa. Pure se S.S., 36 anni, giornalista alla vigilia delle nozze e comproprietaria piena dell’appartamento al 50 per cento (quota acquistata a suo tempo dal fratello dell’anziana), avrebbe tutti i diritti di andarci a vivere. Anche a costo di dividerlo con l’allegra vecchina, nubile e senza figli, se il Tribunale lo stabilirà.
Una soluzione, quella della famiglia «allargata», che potrebbe consentire a entrambe le parti di far valere i propri diritti. Lui, lei e la centenaria. Niente male per cominciare una convivenza a ridosso delle nozze. L’avvocato Giacinto Canzona, che assiste la coppia, ha già presentato ricorso, ma la signora, nonostante le sia stato notificato l’atto, non si è ancora costituita in giudizio. Del resto non vuole sapere nulla dei legittimi comproprietari della casa in cui vive e delle loro ragioni. Pur essendo ancora lucidissima, non ci vuole parlare, non apre la porta e non legge la corrispondenza. Se ne sta chiusa in casa con tre badanti che si prendono cura di lei, infischiandosene di quello che accade al di fuori e probabilmente ignorando la possibilità che un giudice possa presto decidere di autorizzare la coppia a prendere possesso della casa legittimamente acquistata. Con o senza di lei dentro. Una storia incredibilmente somigliante a quella raccontata nel film «Duplex», la commedia con Ben Stiller che narra le vicende di due giovani sposi alle prese con le angherie di un’altrettanto arzilla vecchietta.